Share via email

img-1

Una settimana complessa e anche molto pesante quella appena trascorsa. Come sempre cerchiamo di parlarne a modo nostro attraverso quelli che sono stati, giorno per giorno, i trending topic su Twitter. Pertanto, quest’oggi, largo spazio alla cronaca italiana e estera, con l’incidente ferroviario in Puglia, il tragico attacco di Nizza e il fallito colpo di stato in Turchia. 

#LouisHasABeautifulVoice VS #GretaMenchi: è stato un vero e proprio scontro fra titani quello avvenuto lunedì scorso su Twitter. Per tutto il giorno Louis Tomlinson e Greta Menchi si cono contesi, loro malgrado, il primato fra i trending topic più usati dai cinguettatori italiani. Il cantante degli One Direction è entrato in classifica con l’#LouisHasABeautifulVoice, con il quale le fan hanno voluto sottolineare ancora una volta il loro amore per la popstar definendolo addirittura “voce d’angelo”. Più interessante è invece la questione “Greta Menchi”. Lunedì scorso, la blogger romana, divenuta famosa per il suo canale YouTube attraverso il quale dispensa pillole di saggezza su argomenti vari ed eventuali, è balzata in vetta agli hashtag più utilizzati, grazie a uno scambio di battute con la sempreverde Belén Rodríguez. Causa dello scontro sarebbe stato niente meno che Fedez, presunto nuovo amore di Greta, nonché antico flirt dell’ex signora De Martino. Per il momento lo scontro, che ha visto intervenire anche il rapper milanese, ha visto prevalere Greta Menchi che ha vinto la sfida sul social dei cinguettii contro la corazzata Rodríguez. Poco importa che larga parte dei tweet menzionassero la youtuber solo per criticarla. Del resto come recita il detto… nel bene o nel male purché se ne parli!

#Puglia: Martedì 12 luglio è stata, purtroppo, la Puglia a guadagnare il primo posto fra i trending topic italiani. In quest’occasione, il tacco d’Italia, la terra delle Maldive del Salento e di quella meraviglia che è il barocco leccese, è salita agli onori della cronaca per un terribile incidente ferroviario che ha coinvolto due treni regionali tra le stazioni di Corato e Andria, dove ancora sono presenti lunghi tratti a binario unico. Al momento il bilancio è di 27 morti e 53 feriti e le cause del disastro sarebbero da imputare ad una serie di errori umani. Una tragedia terribile che riporta il nostro Paese indietro nel tempo ad anni in cui erano tristemente attuali.

#Provenzano: la morte del boss siciliano ha smosso anche la classifica degli hashtag più gettonati su Twitter. Per tutto il pomeriggio di mercoledì, gli italiani hanno twittato sull’argomento in tono pressoché unanime, ovvero sottolineando il fatto che con la morte di Provenzano si chiude probabilmente una delle pagine più buie della storia italiana, lasciando ancora molte ombre su tanti fatti di mafia per i quali, forse, mai avremo risposte.

#SingleBecause: torniamo ad argomenti più leggeri, grazie all’hashtag che ha imperversato sugli handle degli italiani giovedì 14 luglio. Nonostante le previsioni vedessero prevalere le celebrazioni per la festa nazionale francese, nonostante siano stati in molti a postare foto di Lady Oscar e di Maria Antonietta, la condizione di “singletudine” di molti twittatori ha preso il sopravvento. #SingleBecause è stata dunque la rivalsa dei single italiani che hanno fatto sentire la propria voce contro coloro che li vorrebbero tristi, soli e depressi. E invece loro, i single, hanno twittato, per dimostrare che si può vivere benissimo anche senza una dolce metà, senza avere una storia, senza avere gli occhi a cuoricino. Certo, tutte e tutti si augurano che la “singletudine” non si trasformi in zitellaggio, ma quasi tutti concordano sugli enormi benefici derivanti dal vivere un periodo di tempo senza piantagra… ops… senza compagni accanto.

#Nizza, #Nice, #PrayForNice: un’altra tragedia assurda. Non c’è altro modo per definire l’orrore vissuto da Nizza la notte del 14 luglio scorso. Un tir impazzito, guidato da un tunisino con cittadinanza francese, ha falciato 73 persone sulla Promenade des Anglais di Nizza, mentre erano in corso le celebrazioni per la festa nazionale francese. Ancora non sono del tutto chiare le motivazioni che hanno spinto l’uomo a compiere il folle gesto, ma gli inquirenti sono convinti che la componente religiosa vada connessa alla vicenda umana del tunisino. Il conducente del tir, ucciso dagli agenti intervenuti sul posto, potrebbe aver avuto dei complici sia per l’organizzazione sia per l’esecuzione di quello che in molti ritengono l’ennesimo attentato nei confronti della Francia. Ancora una volta, il terrore dei sopravvissuti e il cordoglio del mondo intero si è riversato su internet e sui social media, in particolar modo su Twitter, dove #Nizza è divenuto il simbolo di questa nuova ferita inflitta al popolo francese.

#GolpeTurchia: una settimana interminabile quella appena trascorsa. Venerdì sera in Turchia si è scatenato l’inferno a causa di un tentativo di colpo di stato militare che, inizialmente, sembrava andato a buon fine. Il terremoto politico è durato poche ore, giusto il tempo necessario alle truppe di Erdogan di riorganizzarsi. Il fallito golpe, forse ispirato dall’iman Fetullah Gülen, vive ora il suo momento più drammatico ovvero quello delle epurazioni e della punizione dei colpevoli, veri o presunti che siano. Finora sarebbero stati oltre seimila gli arresti, fra militari, giudici e giornalisti, ma il guardasigilli turco, Bekir Bozdag, ha annunciato che la pulizia non si fermerà finché l’ultimo traditore non verrà consegnato alla giustizia.

#WorldEmojiDay e #WeNeedHarryPotterGo: chiudiamo con due note liete. Domenica 17, finalmente, dopo una settimana di brutte notizie, anche Twitter ha visto prevalere due topic decisamente più leggeri. Il primo riguarda le “celebrazioni” per il WorldEmojiDay, che si tiene tradizionalmente il 17 luglio
per il fatto che l’emoticon della tastiera emoji raffigurante il calendario segna proprio il 17 luglio. L’altro hashtag che ha allietato la domenica dei cinguettatori italiani è stato #WeNeedHarryPotterGo, che non faceva altro che scimmiottare la celeberrima app Nintendo “Pokémon Go” già campione di download a pochi giorni dall’uscita. I fan di Harry Potter devono aver pensato a quanto sarebbe bello avere un’app, simile a quella dei Pokémon, dedicata alla saga del maghetto inglese che ha fatto impazzire il mondo con le sue avventure. E diciamocelo, non hanno tutti i torti…