Share via email

img-1

Torna la nostra rubrica dedicata agli hashtag che sono stati trending topic nella settimana appena trascorsa. Come sempre tanti i temi su cui i tweeter italiani hanno cinguettato, dando libero sfogo alla loro fantasia e alle loro idee.

#amoquellepersoneche: Ovvero come iniziare bene la settimana. Il lunedì certo non è una giornata facile, ma Twitter riesce sempre a dare ai suoi user dei buoni spunti di discussione o di sfogo. #amoquellepersoneche è stato un hashtag un po’ oscuro, ambivalente, dalla libera interpretazione, che ha dato a tutti la possibilità di parlare a ruota libera, nel bene o nel male, di amici, parenti e conoscenti. E come sempre accade in presenza di questi hashtag, ne sono venute fuori delle belle.

#IMedici: Martedì sera è andata in onda la nuova fiction Rai dedicata alla storia della Famiglia Medici, una delle più importanti casate italiane del Rinascimento. Protagonista della nuova serie TV è niente meno che l’attore scozzese Richard Madden, l’ex Robb Stark de “Il trono di spade”, per il quale già sembrano impazzire tutti. Per il momento non sappiamo quanto durerà la passione degli italiani per questa nuova fiction in costume che strizza l’occhio alle grandi produzioni straniere (leggi The Tudors e Downton Abbey), ma almeno per la giornata di martedì l’#IMedici ha sicuramente smosso la classifica dei trending topic italiani, trovando molti tweeter disponibili a cinguettare su quello che potrebbe essere il nuovo tormentone del piccolo schermo.

#parolefuorimoda: pensate a una parola démodé, desueta, in disuso, una di quelle parole che usavano i nostri genitori o i nostri nonni e che oggigiorno non ci sogneremmo mai di utilizzare. Ecco pensate a una di queste parole, aggiungete un pensiero più o meno profondo e l’hashtag #parolefuorimoda e il tweet di tendenza è pronto. Mercoledì 19 ottobre sarebbe bastato questo per essere trendy. Niente argomenti politici o drammi della cronaca nera, ma solo qualche parola old fashion, tipo “acciderbolina” o “lestofante”, o ancor meglio qualche concetto un po’ datato come “grazie”, “scusa”, “per favore”…

#DangerousWomanTour: Ariana Grande annuncia due concerti in Italia per giugno 2017 e Twitter impazzisce. I fan della star americana si sono sbizzarriti sull’onda della notizia, citando canzoni, inneggiando all’ugola d’oro della cantante e facendo sentire la loro impazienza per questi attesissimi show che infiammeranno Torino e Roma. Molti si sono lamentati per il fatto che la cara Ariana ha del tutto ignorato Milano, ma siamo certi che i suoi ammiratori milanesi saranno ben lieti di farsi un piccolo viaggetto pur di vederla cantare dal vivo.

#sciopero: si preannunciava come una giornata campale quella di venerdì 21 ottobre a causa dello sciopero generale indetto da diverse sigle sindacali, che rischiava di bloccare mezza Italia. Invece è andata un po’ meno peggio del previsto. Certo ci sono stati disagi e diverse proteste, con tanto di sfoghi di viaggiatori e cittadini un po’ innervositi dall’ennesimo sciopero pre-weekend, ma a parte questo non si sono visti i drammi epici a cui siamo solitamente abituati.

#5film: cinque e non più di cinque, questo il numero di film imperdibili, imprescindibili e incomparabili da elencare in 140 caratteri. Partendo dal presupposto che i film di Lina Wertmuller sono stati scartati a priori per mancanza di spazio, i cinquettatori italiani si sono prestati volentieri a questo giochino che chiedeva di elencare i cinque film più belli e rappresentativi di tutti i tempi. Certo alcuni si sono lasciati un po’ andare citando pellicole improponibili, ma come si suol dire “de gustibus…”

#AtalantaInter: il calcio torna sempre, soprattutto di domenica, soprattutto quando scricchiolano panchine importanti come quella dell’Inter. Dopo l’ennesima sconfitta contro l’Atalanta di Gasperini, l’allenatore olandese Frank De Boer potrebbe essere esonerato dalla dirigenza dell’Inter, sempre più insoddisfatta da una classifica di campionato che vede il club nero azzurro arrancare. Ovviamente i tifosi e gli appassionati non si sono lasciati scappare l’occasione di commentare l’ennesimo flop della squadra di Thohir. Del resto si sa in Italia siamo tutti meteorologi e allenatori a seconda che sia il lunedì di Pasquetta o una semplice domenica di Campionato.