Share via email

img-1

E dopo la lunga pausa estiva, eccoci di ritorno con la nostra consueta rubrica del lunedì dedicata agli hashtag che sono stati trending topic su Twitter negli ultimi sette giorni. Come al solito, tantissimi gli argomenti in primo piano anche se, purtroppo, gli # più importanti della settimana sono stati quelli legati al terribile sisma che il 24 agosto ha colpito il centro Italia. 

#Ventotene: il primo lunedì utile dopo la fine delle vacanze estive, la politica internazionale è tornata a essere protagonista su stampa, TV e Web, grazie all’incontro fra il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, la Cancelliera Angela Merkel e il Presidente François Hollande. Il vertice a tre aveva come scopo quello di ridefinire una strategia di azione per rilanciare il progetto europeo a seguito del referendum britannico, dell’aggravarsi della questione immigrati e della sempre contingente lotta al terrorismo. Ovviamente anche Twitter ha seguito con interesse lo svolgimento dell’incontro tenutosi a Ventotene, luogo simbolo della storia dell’Unione dove si trova, fra l’altro, la tomba di Altiero Spinelli, uno dei padri fondatori dell’Europa. Pur essendo rimasto in vetta per poco, per tutto il giorno #Ventotene è stato fra le prime posizioni dei trending topic italiani, continuando a stazionare nella top ten anche nella prima mattina di martedì. Alcuni analisti lo hanno definito “un incontro che finirà sui libri di storia”. Questo al momento è impossibile affermalo con certezza, ma di certo il vertice di Ventotene rimarrà negli annali come uno dei summit politici più social di tutti i tempi.

#LibridaMedaglia: un libro è sempre una bella compagnia, soprattutto durante le lunghe giornate estive passate a prendere il sole in riva al mare o trascorse in montagna in cerca di un po’ di fresco. E in questo ultimo stralcio di vacanze, #LibridaMedaglia ha permesso a tutti i lettori di diventare per un attimo librai, consigliando ai colleghi twittatori un libro da leggere assolutamente, un “libro da medaglia”, proprio come lo sono stati gli atleti saliti sui podi olimpici a Rio. Da Hemingway a Borges, passando per Calvino e Dostoevskij, i libri citati e gli autori chiamati in causa o “scomodati” sono stati numerosissimi. Del resto la letteratura rappresenta un tesoro di proporzioni tali, che non basterebbero nemmeno tutte le medaglie vinte da Michael Phelps per premiare i suoi capolavori.

#Terremoto, #PrayforItaly e #PrayingForItaly: una giornata triste, anzi tristissima, quella di mercoledì 24 agosto. Una giornata in cui l’euforia post-olimpica e il clima di vacanza sono stati spazzati via dall’immane tragedia che ha scosso il centro Italia. Alle 3.30 del mattino, una serie di scosse di terremoto, la più grave di magnitudo 6.0 sulla Scala Richter, hanno devastato l’alto Lazio, l’Umbria e le Marche. Il terremoto è stato avvertito fino a Roma e Rimini. L’epicentro del sisma si è verificato nel comune laziale di Accumoli, in provincia di Rieti, dove a distanza di giorni i soccorritori continuano a lavorare senza sosta per salvare le persone intrappolate sotto le macerie. Numerose le vittime e ingentissimi i danni, anche nella vicina cittadina di Amatrice, che dalle immagini circolate sembra essere stata praticamente rasa al suolo. Anche in questa occasione, i tweeter italiani hanno espresso il loro cordoglio attraverso alcuni #, come #Terremoto o #PrayforItaly, che hanno letteralmente invaso Twitter, arrivando a essere persino trending topic a livello mondiale. I tweet di sconcerto e di dolore per quanto accaduto in centro Italia sono proseguiti senza sosta anche nella giornata di giovedì 25 agosto, quando il numero delle vittime accertato era ormai salito a poco meno di 250. Praticamente unanime la partecipazione con cui i twittatori italiani e non hanno voluto esprimere i loro sentimenti in merito a questa nuova terribile tragedia che ha colpito il nostro Paese. Triste occasione questa per misurare il profondo amore di tutti per l’Italia, ma anche simbolo di una vicinanza emotiva che è stata intensa e piena da una parte all’altra del globo.

#DearLuke5SoS, #HappyBirtdayDylanOBrien e #Louisweloveyou: un venerdì completamente dedicato alle star più amate dai teenager quello del 26 agosto. Tra i trending topic italiani sono emersi moltissimi # ispirati ai vari Dylan O’Brien, star di “Teen Wolf” che il 26 agosto ha festeggiato il suo venticinquesimo compleanno, Luke Hammings, frontman dei Five Seconds of Summer, e all’onnipresente Louis Tomlinson degli One Direction. Un venerdì un po’ “leggero” forse, ma di fatto un venerdì come dovrebbero essere quelli di fine agosto, in cui l’aria di vacanza ancora la fa da padrona.

#luttonazionale: sabato 27 agosto è stata la giornata del dolore per il nostro Paese. Il giorno in cui l’Italia intera ha fatto i conti con se stessa e ha commemorato in modo unanime e accorato le vittime del disastroso terremoto in centro Italia, il cui numero è ormai salito a 290, cifra purtroppo ancora provvisoria. Il lutto nazionale, proclamato dal premier Renzi, ha permesso a tutto il Paese di stringersi attorno alle famiglie delle vittime e alle popolazioni terremotate, che adesso dovranno affrontare il lungo periodo della ricostruzione. I tweeter italiani hanno voluto partecipare al cordoglio nazionale con l’#luttonazionale, che per tutto il giorno è stato il più twittato nel nostro Paese. Una piccola cosa certo, un piccolo segno di solidarietà e vicinanza, che va ad aggiungersi a quelli più concreti degli aiuti, che fin da subito gli italiani hanno inviato a supporto delle popolazioni colpite dal sisma.

#VMAs: la domenica su Twitter si è caratterizzata da note decisamente più liete di quelle che hanno segnato i giorni precedenti. I twittatori italiani, come molti altri nel mondo, hanno celebrato gli MTV Video Music Awards 2016, la cui diretta è andata in onda il 28 agosto dal Madison Square Garden di New York. La partecipazione del popolo di Twitter all’evento è stata enorme e si è concretizzato con l’#VMAs divenuto trending topic a livello mondiale. Protagonista della serata è stata la venere nera della musica mondiale Beyoncé che, con 8 vittorie su 11 nomination, ha letteralmente sbaragliato la concorrenza di artisti agguerriti come Adele, Rihanna e i Coldplay. Le statuette vinte dall’ex Destiny’s Child le hanno permesso di surclassare Madonna nella graduatoria dei cantanti più premiati ai VMAs. Considerando che la signora Knowels – Carter ha solo 36 anni e che la sua carriera sembrerebbe ben avviata, c’è da chiedersi quali saranno i prossimi obiettivi della nuova regina del pop mondiale.