Share via email

hashtag

Una settimana davvero difficile quella appena trascorsa. Purtroppo il terrorismo e i venti di guerra sono tornati prepotentemente in prima pagina spazzando via ogni speranza di serenità e pace per l’Europa e per la martoriata Siria. Fra le tendenze anche il caso Pecoraro-Agnelli e qualche argomento un po’ più leggero come il Carbonara Day. 

#SanPietroburgo: la settimana purtroppo si è aperta con le terribili notizie giunte da San Pietroburgo, dove un attentato nella locale linea della metropolitana ha causato la morte di quattordici persone e quarantanove feriti. Ancora poco chiare le dinamiche dell’attacco. Secondo le prime ricostruzioni, l’attentatore sarebbe un cittadino kirghiso, che si sarebbe fatto esplodere o sarebbe stato trasformato a sua insaputa in una bomba da alcuni complici. Ciò che resta dopo questo ennesima aggressione sono i corpi senza vita delle vittime, le quattordici famiglie colpite nei loro affetti e la paura che torna a dilagare. Il cordoglio dei tweeter italiani ha trovato largo spazio su Twitter, dove l’hashtag dedicato a questa nuova tragedia dell’odio è rimasto fra i trending topic per molte ore.

#Siria: l’orrore siriano è davvero senza fine. Martedì 4 aprile, decine di persone sono rimaste uccise nel corso di un bombardamento nella provincia di Idlib. L’attacco, che ancora non è stato attribuito con certezza, sarebbe stato compiuto con armi non convenzionali, in particolare con gas sarin, una tipologia molto aggressiva di gas nervino. Sospettato numero uno per l’attacco sarebbe il presidente Bashar al-Assad, che potrebbe aver ordinato la carneficina per pura opportunità politica, nel tentativo di mandare un messaggio forte alla comunità internazionale e alla popolazione civile. Questo nuovo massacro fa precipitare nuovamente la Siria nel terrore e nella paura, dopo settimane di relativa calma, che facevano ben sperare per una soluzione del conflitto.

#Pecoraro: nel corso dell’audizione di fronte alla Commissione parlamentare antimafia, il procuratore della Figc, Giuseppe Pecoraro, ha smentito che una delle intercettazioni effettuate fosse riconducibile al presidente della Juventus, Andrea Agnelli. Pecoraro ha comunque affermato che il deferimento del presidente bianconero aveva motivazioni legate ad altre accuse, fra cui quella per violazione delle norme contro il bagarinaggio. Tuttavia, il dietrofront della procura federale ha suscitato una valanga di polemiche alle quali Pecoraro per primo non ha potuto sottrarsi e che avranno probabilmente un lunghissimo seguito anche su Twitter.

#carbonaraday: giovedì 6 aprile è stato il giorno dedicato alla carbonara, una delle ricette più amate della cucina italiana, che può vantare tanti fan anche fuori dai confini nazionali. Tanto amata, ma anche tanto copiata questa pasta della tradizione romana, che ormai gli italiani sentono come uno dei capisaldi della gastronomia del nostro Paese. Nonostante gli innumerevoli tentativi di riproduzione, all’estero continuano ad avere grossi problemi a riproporre questa prelibatezza. Tra scelte di ingredienti discutibili e orrori di preparazione, oltre frontiera sono davvero pochi quelli che sanno preparare una carbonara decente. Per qualche spunto e per farvi due risate sulle innumerevoli versioni di questo piatto vi consigliamo di dare un’occhiata ai moltissimi tweet dedicati al #carbonaraday. Con l’augurio che, di fronte ai disastri culinari di certi cuochi improvvisati, la carbonara non vi vada di traverso.

#Stoccolma: il terrorismo non si ferma e colpisce anche la capitale svedese. Venerdì 7 aprile un camion guidato da un attentatore è piombato sulla folla uccidendo quattro persone e ferendone quindici in una delle strade principali della città. Dopo l’attacco, sono state fermate due persone, un uomo uzbeko di trentanove anni accusato di essere l’autista del tir e un altro uomo identificato come un possibile complice. Peraltro sembra che all’interno del camion sia stato ritrovato un ordigno, che se fosse esploso avrebbe potuto causare molte più vittime. Purtroppo l’Europa continua a dover fare i conti con la paura, che ormai si estende a macchia d’olio su tutto il continente. E Twitter ha preso atto di questa ennesima tragedia, trasformando il cordoglio in una vicinanza alle vittime e alla città nordica, che sono proseguiti anche nei giorni successivi all’attentato.

#memoria: che sia un cassetto o una giornata, a lungo o a breve termine, la memoria ci racconta quello che è il nostro passato e costituisce la base più solida per il nostro futuro. Come prevedile, l’hashtag dedicato a questa parte tanto importante della nostra esistenza è balzato in testa a trending topic senza troppe difficoltà, dando la possibilità a tutti di twittare un ricordo, un pensiero o qualcosa di più dissacrante. E vista la quantità di brutte notizie dei giorni precedenti, forse un po’ di frivolezza era proprio quello che ci serviva.

#DomenicadellePalme: in attesa di scartare le uova di cioccolato, i tweeter italiani hanno celebrato la Domenica delle Palme, che in molti considerano come il banco di prova per i grandi pranzi pasquali. Fra ramoscelli di olivo e pastiere anticipate, l’Italia intera si è riunita per festeggiare questa giornata che, grazie a un meteo quasi estivo, si è trasformata per molti in un’occasione per una bella gita fuori porta.