Download  

Share via email
Comunicato Stampa (PDF)

Logo SolarMax

Poco più di un anno fa dalla collaborazione di SolarMax – produttore leader a livello mondiale di inverter fotovoltaici collegati alla rete e caratterizzati da “Swiss quality” – con il progetto organizzato dalla Onlus ROCK NO WAR! – un’associazione di volontariato attiva da numerosi anni sul fronte della solidarietà internazionale – è stato realizzato un impianto fotovoltaico per il nuovo Polo Scolastico per l’Infanzia 0-6 anni a Medolla (Modena), ricostruito a seguito del terremoto e inaugurato il 23 marzo 2013.

In particolare, per la realizzazione dell’impianto da 50kWp per la produzione di energia fotovoltaica la scuola di Medolla è stata dotata di 3 inverter del modello SolarMax 15MT2.

La scelta di dotare di un impianto fotovoltaico una struttura pubblica dedicata all’infanzia, oltre ad aver rappresentato fin da subito un segnale importante nella direzione di una sempre più condivisa sensibilità alle tematiche “green” basate su tecnologie innovative, si è tradotta altresì a distanza di un anno in un significativo risparmio economico. Come rilevato daI Gestore dei Servizi Energetici (G.S.E.), infatti, per i primi 10 mesi del 2013 presi in esame, l’impianto fotovoltaico del Polo Scolastico ha avuto una produzione stimata di 40.358 kWh, producendo un ricavo relativo alla sola tariffa incentivante 9.403,41 €, oltre ai proventi dello scambio sul posto e all’autoconsumo.

“Il risparmio economico generato dall’impianto fotovoltaico rappresenta un significativo successo, tanto più se inserito nel contesto di una comunità che ha dovuto affrontare diverse difficoltà a causa del terremoto, e si configura come un esempio virtuoso per altri edifici scolastici che vogliano diventare completamente autosufficienti da un punto di vista energetico, abbattendo costi di gestione, consumi e impatto ambientale e liberando risorse da poter investire anche in altri progetti destinati  dell’educazione infantile e non solo”, ha affermato Giorgio Amadessi, Presidente di ROCK NO WAR.

“L’edificio è stato costruito in modo da garantire il massimo benessere ai bambini. E’ per questo che nella sua costruzione sono stati osservati una serie di criteri affinché fosse rispettato questo obiettivo primario. Tra le diverse opportunità offerte dalla tecnologia sono state integrate anche quelle legate all’energia rinnovabile in un’ottica di riduzione dell’impatto ambientale mediante l’utilizzo di energia pulita e di miglioramento dell’efficienza”, ha dichiarato Rachele Paltrinieri, Assessore alle politiche scolastiche ed alla prima infanzia del Comune di Medolla.

“Il risultato conseguito con questo progetto realizzato per la scuola di Medolla non solo realizza la promessa del risparmio generato dal fotovoltaico, ma ben si incanala in un ampio discorso sull’educazione delle nuove generazioni a un modello di produzione dell’energia rispettoso dell’ambiente e su di una edilizia scolastica realmente ecosostenibile”, ha dichiarato Raffaele Salutari, Regional Manager di SolarMax.

La serie 15MT2 prodotta da SolarMax e utilizzata per la costruzione dell’impianto fotovoltaico nel nuovo Polo Scolastico, consente di sfruttare in modo efficiente e razionale le superfici dei tetti, ottimizzando il rendimento. Ogni inverter della serie SolarMax MT soddisfa tutti i requisiti del marchio di controllo GS per la sicurezza dei prodotti e sono caratterizzati dalla massima “Swiss quality” che contraddistingue tutti i prodotti SolarMax.