Download  

Share via email
Comunicato Stampa (PDF)

Logo Canon

Canon, leader mondiale nelle soluzioni di imaging, sale al 26° posto nella classifica Interbrand Best Global Green Brands, rispetto alla 30a posizione occupata nel 2013. Lo studio condotto da Interbrand evidenzia l’impegno di Canon dimostrato nel corso del 2012 in ambito eco-sostenibilità e che si è concretizzato con una riduzione di ben tre volte, rispetto agli obiettivi aziendali, delle emissioni di CO2 in tutto il ciclo di vita dei propri prodotti e la raccolta di oltre 310.000 tonnellate di cartucce toner usate in tutto il mondo sin dal 1990, con una conseguente riduzione delle emissioni CO2 di circa 450.000 tonnellate, e evitando l’impiego di 201.000 tonnellate di nuove risorse.

Lo studio annuale Best Global Green Brands redatto da Interbrand si basa su una ricerca condotta sui consumatori creata per analizzare il divario esistente tra le prestazioni ambientali di un marchio e la percezione dei consumatori di tali prestazioni. Nel caso di Canon, tale percezione è aumentata considerevolmente, abbassando il “Gap Score” a circa +3.8 rispetto al +6.56 registrato nel 2013.

Susan Stuart, Sustainability Director di Canon Europe, Middle East and Africa, ha commento: “Il nostro impegno nell’ambito della sostenibilità ci permette di offrire ulteriore valore aggiunto ai nostri clienti nel raggiungimento dei loro obiettivi di business e sostenibilità. Inoltre, ciò ci permette di entrare in contatto diretto con la società, permettendo alle persone di catturare, documentare e cogliere ogni aspetto del mondo che sta intorno a loro”.

“In Canon, la sostenibilità è fondamentale e profondamente radicata nella nostra cultura, così come nella strategia e nel modo di condurre il business. Il nostro approccio si basa sulla filosofia aziendale Kyosei, parola che in giapponese significa vivere e lavorare insieme per il bene comune”.

Nella classifica Best Global Green Brands sono incluse solo le aziende che compaiono nel report annuale Interbrand Best Global Brands. Per essere incluse tra i primi 50 Best Global Green Brands, le aziende devono raggiungere prestazioni elevate in termini di sostenibilità e la corretta percezione dei consumatori di tali prestazioni.