Download  

Share via email
Comunicato Stampa (PDF)

Logo Canon

Stabilizzatore d’immagine (IS)

La tecnologia di stabilizzazione d’immagine Canon elimina l’effetto visibile del tremolio delle immagini durante la visione del soggetto a mano libera e a forte ingrandimento, per consentire di osservare con precisione la scena senza bisogno di treppiede. In genere, un binocolo con oltre 7 ingrandimenti e senza stabilizzazione d’immagine richiede un cavalletto per garantire un’immagine nitida e stabile. Lo stabilizzatore d’immagine Canon con prisma ad angolazione variabile (VAP) utilizza due sensori e un microprocessore per analizzare la più piccola vibrazione e spostare di conseguenza i prismi, regolando all’istante l’angolo di luce in entrata, al fine di neutralizzare il tremolio involontario delle mani e garantire un’immagine sempre chiara e stabile.

Doppia lente spianatrice di campo

Anche la qualità dell’immagine intorno al soggetto è un fattore molto importante nella scelta di un binocolo. Usando binocoli con una qualità d’immagine inferiore per un tempo prolungato, l’utente si stancherà facilmente. Per evitare ciò e garantire una visione ad alta risoluzione su tutto il campo inquadrato, entrambi i modelli 12×36 IS III e 10×30 IS II utilizzano una doppia lente spianatrice di campo. Questo è un progetto ottico esclusivo di Canon solitamente riservato a binocoli di altissima qualità.

Rivestimento Super Spectra

Con lenti non rivestite, circa l’8% della luce incidente viene riflessa, abbassando la luminosità del soggetto. Al fine di evitare questo fenomeno, Canon utilizza il rivestimento Super Spectra, molto apprezzato per la sua efficienza anche negli obiettivi intercambiabili Canon EF per fotocamere reflex.

Denominazione convenzionale dei binocoli Canon: ingrandimento e luminosità

Il primo numero nella sigla dei binocoli Canon rappresenta l’ingrandimento, rispetto alla dimensione visibile a occhio nudo. Ad esempio, se un binocolo riporta10x, il soggetto sarà ingrandito 10 volte, ovvero un soggetto che si trova a 100 metri di distanza sembrerà essere a soli 10 metri. Il secondo numero della sigla indica il diametro in millimetri dell’elemento ottico anteriore, la lente dell’obiettivo. Maggiore è questo numero, più luce catturerà il binocolo e più luminosa apparirà l’immagine. La combinazione tra ingrandimento e diametro determina la luminosità effettiva del binocolo.