Download  

Share via email
ImmaginiVideo

Logo Cisco

L’Autorità Portuale di Amburgo (HPA) compie un nuovo passo nel percorso per trasformarsi in un “porto intelligente”, realizzando la prima “smartROAD” europea.   Si tratta di un prototipo di soluzione che intende migliorare la gestione delle risorse, i flussi di traffico, il controllo delle condizioni delle infrastrutture e l’impatto ambientale, con tutta la forza delle soluzioni di analytics e gestione dei dati in tempo reale consentita dall’Internet of Everything.

Analizzando i risultati della sperimentazione di questo prototipo Cisco, l’Autorità Portuale di Amburgo e l’ecosistema di partner attivo sul progetto potranno valutare l’impiego su più ampia scala di tali soluzioni nel porto. 

Le soluzioni smartROAD riguardano quattro aree:infografica Smart Road - SMALL

  1. Traffic Management: aiuta il responsabile della gestione della viabilità del porto a monitorare il traffico stradale. Eventuali incidenti sono individuati automaticamente e il manager viene allertato, per coordinarsi con le altre autorità.
  2. Sensori Strutturali: i sensori forniscono dati in tempo reale sulle condizioni di infrastrutture mobili quali il ponte di sollevamento Kattwyk Lifting Bridge, consentendo al dipartimento di manutenzione tecnica di pianificare in modo preciso e predittivo le operazioni di manutenzione e gli interventi di riparazione.
  3. Sensori ambientali: forniscono dati da usare per migliorare l’analisi della situazione ambientale nell’area portuale.
  4. Illuminazione intelligente: migliora la sicurezza di pedoni e ciclisti che transitano nel porto ed allo stesso tempo permette di risparmiare energia. Fa parte del prototipo anche la sperimentazione di una particolare modalità di illuminazione, “Follow Me Lighting” impiegata su una delle strade per migliorarne specificamente l’utilizzo.

Tutti i sensori e sistemi presenti sono connessi da una infrastruttura di rete altamente sicura. I dati sono processati con software di analytics e i risultati sono disponibili tramite un cruscotto operativo integrato e centralizzato. Cisco ha anche realizzato una architettura di sicurezza onnicomprensiva per tutta l’installazione,  che dà piena visibilità sulla situazione safety & security consentendo ai responsabili del porto di agire in tempo reale in caso di necessità.

Dal momento che per il monitoraggio del traffico sono utilizzate videocamere, è obbligatorio anonimizzare i dati. Per questo Cisco ha implementato con l’azienda Kiwi un software che sfuma i volti delle persone e le targhe delle auto. Questo livello di informazione è eliminato direttamente a livello della videocamera e non entra nemmeno nella rete.

La sperimentazione del prototipo smartROAD è frutto del protocollo di intesa siglato da Cisco e dalla Città di Amburgo nell’aprile 2014.  I partner dell’ecosistema per il “porto intelligente” sono Philips (illuminazione intelligente), AGT International (software di analytics), T-System (la divisione servizi e consulenza IT di Deutsche Telecom), World Sensing (monitoraggio e sensori) e Kiwi (video analytics e anonimizzazione).

Con smartROAD l’Autorità Portuale di Amburgo sta sperimentando per la prima volta un prototipo integrato di applicazione dell’Internet of Everything, operativo su una infrastruttura reale, che offre diverse e importanti opportunità di utilizzo sia per il porto sia per la città” afferma il Dr.Sebastian Saxe, CIO e CDO di HPA

smartROAD è un momento chiave nella realizzazione della nostra visione per l’Internet of Everything” commenta Wim Elfrink, Executive Vice President, Industry Solutions e Chief Globalisation Officer di Cisco. “ Le città di tutto il mondo vogliono diventare più efficienti e offrire migliore qualità della vita ai loro abitanti. In Cisco crediamo che la digitalizzazione possa aiutare le città ad affrontare le tante sfide con cui devono confrontarsi. Qui ad Amburgo, in particolare, il porto ha un ruolo centrale nell’economia della città e nel suo sviluppo – per questo stiamo supportando l’Autorità Portuale per ampliare la sua capacità operativa, utilizzando le loro infrastrutture in modo più efficiente”.