Share via email

Logo GFI

Ogni giorno, chi utilizza connessioni Wi-Fi nel tragitto casa-lavoro, rischia il furto dei dati contenuti in tablet e smartphone. Lo rivela una ricerca condotta nel Regno Unito da GFI.  GFI Software™ ha annunciato i risultati di una ricerca indipendente che analizza le abitudini di navigazione da dispositivi portatili di utenti e pendolari. Lo studio, che fa parte di una ricerca più ampia, svolta negli Stati Uniti e nel Regno Unito, è stato condotto da Opinion Matters per conto di GFI Software intervistando 1.001 pendolari inglesi in possesso di tablet o smartphone.

Lo studio ha evidenziato come i pendolari, durante il tragitto in treno, metropolitana o autobus, utilizzino sempre più spesso connessioni Wi-Fi sconosciute e non protette – un trend in crescita anche in Italia –  mettendo a repentaglio anche i dati sensibili aziendali; la navigazione sul web non tiene infatti purtroppo in alcuna considerazione i possibili rischi di furto dei dati contenuti in laptop e smartphone, che sono invece frequenti quando si utilizzano reti sconosciute.

 

Il 100% degli intervistati ha ammesso di utilizzare connessioni Wi-Fi pubbliche e aperte, almeno una volta alla settimana – per lavoro o per inviare email – e di collegarsi spesso ai server aziendali per modificare e correggere documenti.  Mediamente, gli utenti si collegano a reti Wi-Fi pubbliche 15 volte alla settimana,  accedendo anche alle reti aziendali e ponendo così a serio rischio i dati e le password.

“I risultati della ricerca hanno rivelato un trend desolante e preoccupante. L’utilizzo frequente di dispositivi personali durante i viaggi di andata e ritorno dal posto di lavoro e la connessione a reti Internet altamente insicure mette in grande pericolo i dati aziendali; altri utenti, o gestori dell’access point, possono infatti facilmente intercettarli” ha dichiarato Walter Scott, CEO di GFI Software. “L’accesso a internet tramite connessione mobile è un’abitudine ormai fortemente radicata, ma esiste una grande noncuranza riguardo alla sicurezza dei dati, alla conformità e alla politica di governance dei dati. Le aziende devono imparare a gestire adeguatamente le loro risorse portatili, accertandosi che l’utilizzo dei dispositivi in ambienti aperti non generi vulnerabilità che potrebbero essere intercettate dai criminali, sia informatici che convenzionali”.

Ecco i principali risultati emersi dalla ricerca:

  • Il 46% degli intervistati che accede a internet dal proprio dispositivo mobile utilizza una rete Wi-Fi, mentre solo il 43% si collega a servizi dati 3G
  • Il 7% degli intervistati accede a internet tramite servizi mobili 4G
  • Il 31% del campione accede almeno una volta alla settimana a servizi Wi-Fi pubblici per consultare dati aziendali confidenziali, e in media, gli intervistati si collegano 15 volte a settimana a reti Wi-Fi aperte e poco sicure
  • Il 57% degli utenti è preoccupato che il proprio smartphone o tablet possa subire un furto in luoghi pubblici come stazioni ferroviarie e fermate degli autobus, oppure nel tragitto casa-lavoro
  • Il 52% dei pendolari teme che i propri dati possano essere intercettati durante il collegamento a una rete Wi-Fi pubblica ma, ciò nonostante, continua comunque ad utilizzarla
  • La metà degli intervistati vive come una frustrazione l’indisponibilità di reti Wi-Fi, a dimostrazione di come gli utenti ormai percepiscano questo servizio come indispensabile nella vita di tutti i giorni
  • Il 20% dei dispositivi mobili non ha sistemi di sicurezza attivati, neppure una password o un codice PIN, e solo il 5% ha adottato policy di sicurezza corporate

Furti di dispositivi mobili

A Londra si è registrata una diminuzione della criminalità a bordo dei mezzi pubblici, ma gli scippi e i furti nelle stazioni di metropolitane e bus sono in aumento. I dati relativi al mese di Agosto 2013[1] dimostrano che il numero di reati è complessivamente cresciuto del 6,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e una grande parte di essi è rappresentato da furti di smartphone e tablet.

Questo problema è stato esasperato dal lancio, lo scorso anno, di servizi Wi-Fi pubblici nella maggior parte delle stazioni, binari e biglietterie della metropolitana. I dati della ricerca GFI hanno dimostrato che questo servizio è molto utilizzato dagli intervistati, con il 37% che utilizza il Wi-Fi pubblico gratuito presente nelle stazioni. Complessivamente, l’84% dei londinesi porta con sé un dispositivo mobile in luoghi aperti e pubblici, contro la media nazionale dell’87%, diventando così un facile bersaglio per i ladri, che individuano pendolari e pedoni in base allo smartphone che hanno, rapinandoli spesso in biciletta – uno dei crimini in maggior crescita, secondo i dati della polizia londinese. 

Verso il BYOD

La ricerca ha inoltre rivelato che il crescente utilizzo di smartphone e tablet da parte dei pendolari sta spingendo sempre più le aziende ad adottare policy di Bring Your Own Device (BYOD), spesso senza che siano dotate di infrastrutture in grado di gestirle. Solo il 5% degli intervistati ha policy per la sicurezza aziendale valide anche per i dispositivi portatili, mentre oltre un terzo (il 36%) di loro ammette di utilizzare questi dispositivi per aggirare le policy di sicurezza di rete esistenti.

La percentuale di utilizzo di dispositivi portatili personali sul posto di lavoro è significativa. Il 100% degli intervistati usa il proprio dispositivo mobile per attività lavorative e personali, collegandosi alla rete aziendale. Il 27% del campione dedica tra i 20 minuti e un’ora alla settimana all’utilizzo di questi dispositivi sul posto di lavoro, mentre il 20% dedica due ore o più. D’altro canto, il 28% degli intervistati si connette al Wi-Fi aziendale per uso personale per un periodo compreso tra i 20 minuti e un’ora alla settimana, mentre il 17% trascorre oltre un’ora alla settimana collegato al Wi-Fi aziendale per attività personali sui propri device mobili.

“Il BYOD è un fenomeno destinato a non tramontare in fretta. I manager hanno acquistato da subito i PDA e si aspettano che l’IT li supporti. I dispositivi personali fanno ormai parte dello scenario lavorativo da oltre due decenni e l’esplosione del BYOD ha messo a disposizione smartphone e tablet sempre più potenti e affidabili e le aziende devono imparare a gestirli. Il Mobile Device Management è diventato oggi un importantissimo requisito per l’IT, in aziende di qualsiasi dimensione, per conservare i dati integri e al sicuro, dentro e fuori dalla rete aziendale” ha concluso Scott.

I modi sorprendenti in cui le persone usano smartphone e tablet

Un terzo (34%) degli intervistati ha ammesso di utilizzare frequentemente il proprio dispositivo mobile in bagno, una divertente scoperta che spiega il perché molti cellulari subiscano danni da infiltrazioni di acqua e schermi rotti, cadendo in lavelli e wc. Le donne sono le principali utilizzatrici in bagno e in camera da letto, mentre gli uomini primeggiano per l’uso sui trasporti pubblici, al lavoro e mentre camminano.

La ricerca ha rivelato che il 91% delle donne preferisce usare il telefono, contro l’87% degli uomini. Le telefonate rimangono ancora il metodo più diffuso di utilizzo dello smartphone, con una percentuale complessiva dell’89% che dichiara di telefonare in movimento. Solo il 16% usa la messaggistica istantanea e le video chiamate.

Un quarto effettua pagamenti tramite smartphone e il 30% ha sostituito il quotidiano del mattino o un libro con l’equivalente versione digitale. Il 42% fa acquisti online e utilizza i servizi di internet banking, sempre tramite smartphone o tablet, e il 45% guarda film in streaming o li scarica; infine, il 58% utilizza video giochi e due terzi visitano i siti di social network. 

Solo il 31% usa le funzioni di agenda contenute in smarphone o tablet per gestire i propri appuntamenti – molto meno di quanto  ci si potesse aspettare.

Complessivamente, l’80% del campione passa il proprio tempo navigando, utilizzando qualsiasi connessione disponibile, mentrel’85% spedisce e riceve email, attraverso connessioni sicure o non protette, ogni mattina e in orario di punta.

GFI

GFI Software™  sviluppa soluzioni IT di qualità dedicate alle piccole e medie imprese (PMI) con meno di 1.000 dipendenti. GFI® offre principalmente due tecnologie: la piattaforma GFI MAX™, che consente ai managed service provider (MSP) di poter fornire servizi eccellenti ai clienti, e GFI Cloud™ che supporta i team IT interni alle aziende a gestire e controllare il loro network attraverso il cloud.  La base clienti, sempre in espansione, attualmente conta oltre 200.000 aziende. La linea di prodotto GFI comprende inoltre soluzioni di collaboration, anti-spam, patch management, fax, archiviazione della posta elettronica e monitoraggio del web. GFI Software è un’azienda orientata alla collaborazione con il canale e si avvale infatti di migliaia di partner in tutto il mondo. E’ vincitrice di numerosi premi e riconoscimenti da parte del mondo industriale ed è un consolidato Microsoft Gold ISV Partner.