Download  

Share via email
Comunicato Stampa (PDF)

Logo AICA

“Dai Bit Agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali”

Milano, 17 ottobre 2014 Le nuove competenze digitali e l’industria manifatturiera nel nostro Paese: le une al servizio dell’altra. E’ questo il tema del 51° Congresso Nazionale AICA (Associazione italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) che si terrà il prossimo 13 novembre a Milano, nella prestigiosa sede di Palazzo Turati (Via Meravigli, 9/b).

Il congresso, tradizionale momento di incontro e di presentazione delle più rilevanti esperienze legate all’ICT nel nostro Paese, quest’anno affronta il tema daiDai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali”; l’intento è di mettere a fuoco le competenze richieste alle piccole imprese e alle società artigiane di qualità, nello scenario che si sta profilando, a livello globale, del cosiddetto “additive manufacturing”, cioè del design e della fabbricazione digitale tramite stampa 3D. Solo accompagnando l’innovazione tecnologica con una analoga innovazione delle competenze il connubio di “atomi e bit” potrà dare tutti i suoi frutti.

Quest’anno puntiamo l’attenzione sul ruolo chiave che la tecnologia – e la parallela e necessaria diffusione di competenze digitali adeguate allo scenario – può giocare nel rinnovamento dell’industria manifatturiera italiana. Una partita, quella del rilancio e dell’innovazione tecnologica all’interno della manifattura italiana, con particolare riferimento alle PMI, che il nostro sistema Paese non può permettersi di perdere, ma che al contrario va giocata per far crescere la competitività e la creatività della nostra imprenditorialitàha spiegato Bruno Lamborghini, presidente di AICA, che ha aggiunto: “È evidente che le grandi opportunità oggi offerte dalle nuove tecnologie digitali nel passaggio dalla “fabbrica sottrattiva” a quella “additiva”, all’Internet of Things ed al cloud computing richiedono, ai fini del rilancio industriale del Paese, un grande impegno comune attraverso sistematiche interazioni tra i principali attori della scuola, della ricerca, dell’industria, delle istituzioni, avendo al centro la crescita di risorse umane dotate di competenze professionali di qualità e e-leadership in grado di governare tecnologie, innovazione e sviluppo imprenditoriale”.

Le interazioni fra i principali attori del cambiamento tecnologico del Paese non mancheranno nel ricco programma del Congresso 2014 che intende offrire una visione scientifica, attuale e prospettica dei molti temi tracciati, tra cui citiamo lo sviluppo dei Makers, i FabLab, la Manifattura Digitale, le testimonianze di imprese di successo, le azioni di sostegno all’innovazione digitale, così da mettere a confronto imprenditori, docenti, professionisti e manager di Università, Enti di ricerca, Aziende e Istituzioni impegnati nel settore dell’ICT e dell’industria. A far da raccordo e collante delle diverse esperienze e testimonianze messe a convegno, sarà il forte richiamo al “fattore competenza” che rappresenta il punto di partenza per qualsiasi rilancio tecnologico industriale.

Nel corso del Congresso, saranno illustrate alcune indagini sul tema della manifattura digitale e delle competenze, condotte da AICA in collaborazione con SDA Bocconi, Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, Prometeia e Net Consulting. Fra di esse la ricerca sull’”additive manufacturing” in Italia ed una corrispondente ricerca sullo stato dell’arte nel mercato statunitense, che questa rivoluzione digitale sta già vivendo da oltre 10 anni; ed infine una nuova ricerca di AICA e SDA Bocconi sul Costo dell’Ignoranza Informatica nelle imprese manifatturiere

Il Programma del Congresso

Dopo i saluti d’apertura, la prima sessione del convegno sarà dedicata allaManifattura digitale: la situazione in Italia e negli USA. La sessione, coordinata dal presidente di AICA Bruno Lamborghini e da Stefano Micelli, docente dell’Università Ca’Foscari di Venezia, prevede la presentazione dei due scenari, sulla base di tre lavori di ricerca presentati per la prima volta in occasione del congresso

  • La situazione negli USA: a cura di George Kassabgi, AICA
  • La situazione in Italia: a cura di Alessandra Benedini, Prometeia con Fabrizio Guelpa, Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, Anna Maria Di Ruscio, Netconsulting, Fulvia Sala, AICA e Francesca Mazzocchi, CNA Next (*)
  • Il costo dell’ignoranza informatica nella manifattura: a cura di PierFranco Camussone, SDA Bocconi

 

Seguirà una sessione dedicata alle Azioni di sostegno all’innovazione digitale con le esperienze della Regione Lombardia, presentate da Valentina Aprea, Assessore Istruzione, Formazione e Lavoro e da Mario Melazzini, Assessore Attività produttive, Ricerca e Innovazione e della Regione Puglia, presentate da Loredana Capone, Assessore Regionale Sviluppo Economico.

La conclusione della mattinata sarà affidata a Stefano Firpo, del Ministero Sviluppo Economico.

Nel pomeriggio, la prima sessione sarà dedicata aMakers, FabLab, Artigiani Digitali: quali competenze”.
Il fondatore e presidente, Riccardo Donadon, presenterà l’esperienza di H-Farm e seguirà una tavola rotonda coordinata da Enrico Sassoon, Harvard Business Review Italia con l’intervento di Edoardo Calia, Istituto Superiore Mario Boella, Damien Lanfrey, MIUR, Stefano Mainetti, Politecnico Milano, Lorenzo Martinelli, Università di Siena e AICA e Rodolfo Zich, Torino Wireless

Seguirà una sessione dedicata allePolitiche di Innovazione Digitale per le Imprese”. L’Amministratore Delegato Paolo Gennaro racconterà ilcaso” AVIO aero azienda leader nella stampa 3D da polveri metalliche. Seguirà il confronto, coordinato da Roberto Iotti, giornalista del Sole 24 Ore, fra Fabio Massimo, di CNA ICT, Rita Forsi, Istituto Superiore Comunic. e Tecnologie Informazione- MiSE, Piero Giusti, IT/CAD Manager R&D in Ducati, Italo Moriggi, direttore generale di Skorpion Engineering, Gian Paolo Moscati, Fondazione Tema.

Un panel su Prospettive, con Roberto Bellini, AICA e Franco Patini, Confindustria Digitale, cercherà di mettere a fuoco la direzione da seguire per la trasformazione digitale e per lo sviluppo delle competenze necessarie a metterla in atto.

La chiusura dei lavori sarà affidata ad Agostino Santoni, Presidente Assinform (*) e a Bruno Lamborghini, Presidente AICA.

(*relatori in attesa di conferma)

Per partecipare

Il programma preliminare completo, informazioni e aggiornamenti sulle modalità di partecipazione sono disponibili sul sito web www.aicanet.it/congresso2014

###

Il 51mo Congresso Nazionale AICA

Da oltre 50 anni in Italia, il Congresso Annuale AICA è il più ricco e articolato spazio di confronto scientifico e culturale sui temi dell’ICT  e dell’Information Society. E’ l’appuntamento dove la comunità dell’Industria e della Ricerca ICT, delle Istituzioni e dell’Accademia, e dei più diversi settori dell’utenza si incontrano per scambiare idee, spunti ed esperienze.

Il 51mo Congresso Nazionale AICA è organizzato in collaborazione con Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, Net Consulting, Prometeia, SDA Bocconi. Ha il patrocinio di AGID e Regione Lombardia ed è stato richiesto il patrocinio del MIUR e del MISE; si ringraziano per il sostegno Assinform, la Camera di Commercio di Milano, CNA ICT e Club TI Milano.