Share via email

Logo Cisco

Cisco annuncia che oltre 30 nuove aziende, tra cui Deutsche Telekom (DT), BT, NTT DATA e Equinix, hanno aggiunto il loro supporto a Intercloud – la rete mondiale di cloud interconnessi che Cisco e i suoi partner stanno rapidamente sviluppando per abilitare una nuova generazione di applicazioni cloud standardizzate e la diffusione di cloud ibridi altamente sicuri. 

 L’annuncio odierno espande la portata di Intercloud con 250 ulteriori data center in 50 paesi e porta avanti i piani di Cisco volti a soddisfare l’esigenza dei clienti di avere una piattaforma cloud globalmente distribuita e altamente sicura, capace di supportare i requisiti dell’Internet of Everything.  Progettato per gestire carichi di lavoro applicativi di elevato valore, con real time analytic e scalabilità virtualmente infinita, l’approccio aperto di Cisco all’Intercloud offre opzioni di local hosting e local provider che permettono di rispettare le regolamentazioni in tema di sovranità dei dati. 

Da quando abbiamo annunciato la nostra strategia cloud basata su OpenStack sei mesi fa, abbiamo ottenuto un ampissimo supporto dall’industry. La strategia sta ottenendo il consenso della comunità open source e fornisce ai partner una potente piattaforma cloud con portata globale, scalabile come internet e efficiente”, ha dichiarato Robert Lloyd, President of Development and sales di Cisco. “Così come Cisco ha avuto un ruolo fondamentale nella connessione di isole separate di LAN per creare l’attuale Internet, allo stesso modo le innovazioni Intercloud Fabric e Application Centric Infrastructure ci permettono di connettere servizi cloud eterogenei per liberare tutto il potenziale del cloud, e con esso abilitare una nuova era nell’IT”.

Cisco, leader nella tecnologia per l’infrastruttura cloud privata, ha inoltre annunciato che offrirà servizi cloud ibridi e che Cisco Intercloud Fabric – una tecnologia di interconnessione cloud altamente sicura, aperta e flessibile indipendentemente dall’hypervisor – è da oggi disponibile per i clienti.

Deutsche Telekom e Cisco insieme per sviluppare cloud in Germania e in Europa, rispettando le regolamentazioni in tema di sovranità dei dati

Deutsche Telekom (DT) e Cisco hanno annunciato l’intenzione di espandere la loro collaborazione implementando nodi Intercloud nei data center di DT in Germania, e che saranno gestiti da T-Systems, unità di DT. T-Systems fornirà ai clienti europei offerte Iaas (Infrastructure-as-a-service) sicure e conformi alle regolamentazioni, che soddisfano i rigorosi standard di sicurezza tedeschi.

La nuova infrastruttura Intercloud di Deutsche Telekom, che si basa su OpenStack per permettere a DT di standardizzare e scalare globalmente i proprio servizi, integrerà una suite di soluzioni cloud di Cisco, inclusi Cisco Intercloud Fabric e Cisco Application Centric Infrastructure (ACI) con gli switch della serie Cisco Nexus 9000 e Cisco Application Policy Infrastructure Controller (APIC). Insieme, queste tecnologie avanzate forniranno a DT un’architettura Intercloud robusta e olistica con automazione centralizzata e profili applicativi guidati dalle policy.

 

BT implementa Cisco Intercloud Fabric per favorire l’adozione di cloud ibridi

BT e Cisco amplieranno la loro consolidata partneship volta a fornire soluzioni cloud al mercato. BT utilizzerà Cisco Intercloud Fabric per sviluppare servizi cloud ibridi che si connettono con Cisco Cloud e con le offerte di servizi cloud e gestiti dei Cisco Powered Intercloud Providers. L’infrastruttura Cloud Compute di BT, con data center presenti in oltre 20 paesi in cinque continenti, diventerà completamente Intercloud per supportare cloud ibridi altamente sicuri con portabilità dei carichi di lavoro senza precedenti.

BT Cloud Compute è un’infrastruttura data center pre-provisioned che permette ai clienti di creare, implementare, controllare e gestire i propri servizi cloud. Essa integra tecnologie avanzate di Cisco ed è disponibile in numerosi paesi europei, dell’America, del Medio Oriente e dell’Africa e dell’Asia Pacifico. Cloud Compute utilizza le infrastrutture locali nella principali regioni, permettendo ai clienti di essere conformi alle norme nazionali e di comunicare e operare sotto la giurisdizione delle leggi locali. Grazie all’utilizzo di Cisco Intercloud Fabric, BT è in prima linea nel consentire l’adozione di cloud ibridi su scala globale.

 

Equinix accelera le connessioni tra cloud pubblici e privati

Equinix e Cisco collaboreranno per fornire ai clienti aziendali interconnessioni ai cloud pubblici più sicure, affidabili e efficienti. Le due aziende hanno in piano lo sviluppo di una soluzione cloud privata hosted che utilizza Equinix Cloud Exchange per fornire accesso privato altamente sicuro all’ampio ecosistema di service provider cloud nei data center Equinix di tutto il mondo. Cisco ha in programma di implementare funzionalità Intercloud in 16 mercati di Equinix dell’Europa, dell’Asia e delle Americhe. Equinix ha inoltre in programma di utilizzare le principali tecnologie e servizi in Cloud Exchange, inclusi gli switch della Serie Cisco Nexus 9000, Cisco APIC e Cisco Evolved Services Platform.

 

Cisco accoglie oltre 30 nuovi partner Intercloud

Cisco sta reclutando e accogliendo partner nell’ecosistema Intercloud – dai provider cloud, costruttori di cloud e aggregatori cloud, fino a partner tecnologi, ISV e rivenditori di soluzioni cloud.

  • Provider Intercloud: Cisco ha annunciato che 26 nuovi provider cloud sono entrati a far parte dell’ecosistema di partner Intercoud. Per fornire servizi cloud di nuova generazione abilitati dall’Intercloud, tali provider cloud adotteranno Cisco ACI e Intercloud Fabric. I nuovi partner sono: Adapt, ANS Group, BT, CGI Group, Cirrity, CTI, Deutsche Telekom, Ethan Group, Infront Systems, LightEdge Solutions, LG CNS, Logicalis, Long View, Netelligent, NWN, NTT DATA, OneNeck IT Solutions, OnX Managed Services, Peak 10, Presidio, Proxios, PT Portugal/Oi, Quest Media and Supplies, Steria, Virtustream e Wipro.
  • Intercloud Builders: Dimension Data, Forsythe Technology, Presidio e World Wide Technology sono i primi solution provider a impegnarsi in un nuovo programma di canale per creare cloud privati pronti per l’Intercloud basati su Cisco Intercloud Fabric.
  • Aggregatori Intercloud: Comstor, Ingram Micro Inc. e Tech Data diventeranno aggregatori cloud per Cisco, fornendo un “one-stop shop” per abilitare e accelerare la capacità dei partner di canale di rivendere servizi cloud.

 

Dare impulso con i Partner Intercloud

Cisco continua a dare impulso al mercato con i propri partner Intercloud inclusi Dimension Data, Johnson Controls, Sungard Avalibaility Services, Telestra, NetApp, Red Hat e VCE.

 

Nuove offerte cloud ibride

Cisco ha inoltre iniziato a offrire bundle Cisco Hybrid Cloud – pacchetti di tecnologie e servizi – che permetteranno ai clienti di creare ambienti cloud ibridi. Uno di questi bundle permetterà ai clienti che già utilizzano un cloud privato di estendere tale infrastruttura all’offerta IaaS di Cisco. Un altro bundle permetterà ai clienti che ancora non utilizzano un cloud privato di ottenere tali funzionalità attraverso una soluzione cloud ibrida e IaaS multinazionale.

Poiché i bundle Cisco Hybrid Cloud si basano su Cisco Intercloud Fabric e Cisco ACI, offriranno portabilità dei carichi di lavoro da e verso i cloud privati, gestione coerente della sicurezza e delle policy quando le applicazioni e i carichi di di lavoro vengono spostati tra i data center e affidabilità e prestazioni di classe enterprise.

 

Cisco Intercloud Fabric è già disponibile

Cisco Intercloud Fabric, disponibile da oggi per i clienti, è un potente elemento basato su software per le infrastrutture cloud ibride. Le vere infrastrutture ibride unificano la gestione dei servizi cloud, inclusi Microsoft Azure, AWS e altre soluzioni. Permette inoltre la portabilità del cloud ibrido tra i provider cloud pubblici, i cloud privati e i servizi Cisco Cloud.

 

La soluzione Cisco per i servizi gestiti basati su cloud apre opportunità per i service provider nel settore delle piccole e medie imprese del valore di 62 milioni di dollari

Cisco ha inoltre annunciato che la propria Evolved Services Platform (ESP) permette ai provider cloud di fornire due nuovi servizi business virtualizzati e automatizzati: Security and Cloud VPN. ESP è una piattaforma software completa per la virtualizzazione e orchestrazione che crea, automatizza e effettua il provisioning dei servizi  in tempo reale attraverso le funzionalità di elaborazione, storage e di rete. Le soluzioni ESP di Cisco sono progettate per aiutare i provider cloud a far fronte al crescente segmento delle piccole e medie imprese (PMI), che dovrebbe arrivare a un valore di 62 miliardi di dollari entro il 2019 (fonte: Frost and Sullivan, U.S. Census, Cisco).

 

Cisco Capital mette a disposizione un miliardo di dollari in finanziamenti per le tecnologie e servizi cloud

Cisco Capital ha stanziato un miliardo di dollari per fornire soluzioni finanziarie che aiutino i clienti e i partner Cisco a velocizzare l’adozione di tecnologie Cisco necessarie per effettuare la transizione verso soluzioni cloud Cisco Powered. Le offerte di Cisco Capital si focalizzeranno sul finanziamento per l’adozione di Cisco Application Centric Infrastructure, sulla semplificazione delle migrazioni tecnologiche e sulla  possibilità di ottenere strutture di pagamento flessibili. Cisco Capital è una società interamente controllata da Cisco, specializzata nella fornitura di soluzioni finanziarie per i clienti e i partner di canale Cisco di tutto il mondo.

 

Dichiarazioni

Reinhard Clemens, Board Member di Deutsche Telekom e CEO di T-Systems: “Poiché i nostri clienti stanno diventando sempre più sofisticati nell’utilizzo del cloud, chiedono cloud ibridi che possano essere utilizzati in diversi Paesi. Offrendo la piattaforma Cisco Intercloud, potremo fornire cloud semplici e economici e servizi realmente ibridi ai nostri clienti europei – in conformità con le rigorose norme sulla protezione dei dati vigenti in Germania. Se si vuole avere una posizione solida nel mercato europeo, bisogna essere forti in Germania. Aiuteremo Cisco nell’implementazione della propria strategia cloud in Germania e nel resto dell’Europa”.

Ashish Gupta, President, Portfolio, Service Design e BT Advise, BT Global Services: “Per beneficiare appieno delle possibilità offerte dal cloud, i nostri clienti devono migliorare le prestazioni e la disponibilità delle applicazioni mission critical. Allo stesso tempo, sono disciplinati da regole di conformità locali e i loro dati devono restare altamente sicuri. Ciò richiede ambienti cloud ibridi, che combinano risorse private e pubbliche, e la capacità di ospitare un’ampia varietà di vendor e service provider. L’utilizzo di Intercloud Fabric di Cisco, insieme alla nostra infrastruttura Cloud Compute, abilita tali ambienti su scala globale, oltre a permetterci di supportare al meglio i CIO nell’orchestrazione delle proprie risorse cloud, con un focus sul controllo dei carichi di lavoro e sulla portabilità. BT è chiaramente al centro di tale spinta innovativa”.

Ihab Tarazi, Chief Technology Officer, Equinix: “Ciò che Cisco e Equinix stanno facendo insieme riguarda la visibilità il controllo. Connettendo Cisco Intercloud e Cloud Exchange, aggiungiamo, policy, prestazioni, sicurezza e visibilità fino alle applicazioni, eliminando i problemi a volte associati ai servizi cloud ibridi. La flessibilità è essenziale per le aziende, e fornendo un’infrastruttura privata, a banda larga e altamente sicura, permettiamo alle aziende di avere un cloud realmente flessibile”. 

 

Segui Cisco Italia su:

Facebook page: http://www.facebook.com/CiscoItalia 
Twitter: http://www.twitter.com/CiscoItalia 
Youtube: http://www.youtube.com/CiscoItalia 
LinkedIn: http://www.linkedin.com/groups/Cisco-Italia-2699921 
Google +: http://plus.google.com/105977579777127967061

 

Cisco

Cisco (NASDAQ: CSCO) è il leader mondiale del settore IT che aiuta le aziende a cogliere le incredibili opportunità offerte dal futuro, connettendo ciò che prima non era connesso. Per ulteriori informazioni visitare il sito: www.cisco.com