Share via email

logo McAfee ciesse

 

Per meglio comprendere le abitudini degli utenti e aiutarli a rimanere connessi con le dovute cautele mentre si preparano per le vacanze estive, McAfee ha condotto lo studio “Digital Detox: Unwind, Relax and Unplug,” (Disintossicazione digitale: rilassarsi, distendersi e ‘staccare’ durante le vacanze estive) che evidenzia come le abitudini digitali potrebbero mettere a rischio i dati personali. L’indagine ha rilevato che, nonostante i vantaggi derivanti dalla “disintossicazione digitale”, la maggior parte degli individui preferisce rimanere connessa. Il 52% degli intervistati ha ammesso di utilizzare dispositivi connessi almeno un’ora al giorno per controllare la posta elettronica, gli SMS e postare sui social media durante le vacanze.

La stagione estiva, specialmente durante viaggi e vacanze, può essere molto divertente per tutti, inclusi i cybercriminali che potrebbero approfittare di vacanzieri che si trovano in ambienti non familiari. Quando si preferisce la comodità alla sicurezza, utilizzando punti di accesso Wi-Fi non protetti, facilmente violabili, ci si espone alla possibilità di compromettere le proprie informazioni personali.

“I nostri dispositivi sono estensioni di noi stessi cui ci affidiamo per più attività ogni giorno”, ha dichiarato Gary Davis, chief consumer security evangelist di McAfee. “Ognuno di noi deve prestare attenzione quando utilizza i propri dispositivi in vacanza. Partendo dalle precauzioni di sicurezza basilari ed evitando rischi inutili, possiamo proteggere meglio le nostre informazioni personali e rendere le vacanze più piacevoli sapendo che ci stiamo connettendo nel modo corretto e consapevole”.

“Le vacanze estive sono piene di distrazioni e di opportunità che possono essere sruttate da criminali informatici. I viaggiatori sono difatti degli obiettivi interessanti per malintenzionati che contano su vulnerabilità di persone e dispositivi per guadagnarsi un punto di accesso alla nostra vita digitale”, commenta Antonio Gaetani, Director Partner Product Management di McAfee. “Proprio per questo dobbiamo rimanere vigili e non consentire l’accesso alle nostre informazioni sensibili proteggendo e rendendo sicuri smartphone, computer portatili e anche dispositivi wearable, oltre che prestando massima attenzione a ciò che pubblichiamo sui social media.” 

L’ampia diffusione di reti Wi-Fi e la facilità di accedervi può rendere difficile “staccare la spina” in vacanza, ma se si riuscisse ad approfittarne e prendersi una pausa, vacanze e viaggi sarebbero più sicuri. Anche se sono molti coloro che non intendono sconnettersi durante il viaggio, quelli che ci sono riusciti (43%) hanno riportato un’esperienza molto più piacevole (81%).

Dimenticarsi di smartphone e tablet? Impossibile!:

  • Il 38% non lascia passare un giorno senza controllare la propria email di lavoro o personale. Più di un quarto (27%) ha ammesso di controllare costantemente la posta elettronica durante il giorno.
  • Il 37% non resiste a non pubblicare sui social media durante le vacanze.
  • I computer portatili sono risultati il dispositivo più frequentemente lasciato a casa (72%), ma solo il 27% sarebbe disposto a lasciare il proprio smartphone.
  • Essere raggiungibili dalla famiglia e dagli amici è Il motivo più comune per cui non ci si disconnette (62%). 

Utilizzo “spensierato” del Wi-Fi

  • Il 31% degli intervistati si collega principalmente utilizzando Wi-Fi pubblici, esponendosi a potenziali rischi per la sicurezza.
  • Mentre il 58% degli intervistati sostiene di saper determinare se il proprio Wi-Fi è sicuro, solo il 49% si prende il tempo di controllare la connessione.
  • Il 20% non considera la sicurezza della connessione Wi-Fi e per il 32% dipende da quanto sia necessario utilizzare il Wi-Fi non protetto.
  • Sorprendentemente, il 15% dei viaggiatori ritiene che le proprie informazioni personali e i dati siano più sicuri durante i viaggi che a casa. 

Lavoro lavoro lavoro:

  • Solo il 16% degli intervistati ha sostenuto di rimanere connesso per essere raggiungibile per il lavoro, ma se il lavoro non fosse un fattore determinante, il 57% preferirebbe rimanere scollegato.
  • Sempre se il lavoro non fosse un fattore determinante, il 69% degli intervistati di età compresa tra i 20 e 30 anni preferirebbe scollegarsi completamente in vacanza rispetto a meno della metà dei quarantenni (49%).
  • Anche se i giovani sono i più disposti a ‘staccare’, sono anche il gruppo che ha provato la maggior ansia (52%) quando si è effettivamente scollegato.

Mamma e papà sono più giudiziosi:

  • La maggior parte dei genitori pensa che i dispositivi dovrebbero passare in secondo piano in vacanza, con il 51% che ha in programma di scollegarsi rispetto al 35% degli intervistati senza figli. Infatti, sono leggermente più numerosi (82%) i genitori che sono riusciti ad astenersi dalla tecnologia rispetto al 78% delle persone senza figli.
  • Il 77% dei genitori consente ai propri figli di utilizzare dispositivi connessi durante il viaggio e il 73% di questi genitori pretende di controllare che utilizzo ine fanno.
  • I genitori tendono ad essere più esperti di tecnologia rispetto a chi non ha figli ed è più probabile che sappiano se la loro connessione Wi-Fi è protetta e sicura (64% vs 54%).

Suggerimenti per aiutare a proteggere le proprie informazioni personali e dispositivi:

  • Navigare in modo sicuro lontani da casa. Assicurarsi di connettersi in modo sicuro durante il viaggio ed evitare di connettersi a reti Wi-Fi pubbliche o non protette. Se è assolutamente necessario connettersi a una rete Wi-Fi pubblica, utilizzare una VPN (rete privata virtuale) come McAfee Safe Connect. La VPN mantiene le informazioni private e assicura che i dati passino direttamente dal proprio dispositivo a quello cui ci si sta collegando.
  • Aggiornare i dispositivi. La prima linea di difesa per i nostri dispositivi siamo noi stessi, quindi è importante adottare alcune precauzioni per rimanere protetti. Assicurarsi che il sistema operativo e le applicazioni dei dispositivi siano aggiornati: l’utilizzo di vecchie versioni del software potrebbe lasciarci aperti a potenziali vulnerabilità di sicurezza.
  • Protezione per tutti i dispositivi. Dopo aver aggiornato i dispositivi con l’ultima versione del software, installare una protezione completa per tutti i propri device. Una soluzione come McAfee LiveSafe può aiutare a mantenere i dispositivi liberi da virus e altri malware indesiderati.
  • Utilizzare un’applicazione in grado di individuare il dispositivo. Se si smarrisce il dispositivo connesso, in particolare durante le vacanze, può essere difficile da rimpiazzare. Le applicazioni di localizzazione possono aiutarci a trovare, bloccare e persino cancellare i dati del proprio dispositivo in caso di furto o smarrimento. 

Metodologia della ricerca

La ricerca è stata commissionata da McAfee e condotta online nel mese di Marzo 2017 da MSI International e ha incluso circa 9.500 persone che utilizzano quotidianamente dispositivi connessi in Australia, Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti. L’indagine ha coinvolto individui di età compresa tra 18 e 55 anni, equamente distribuiti per età e sesso.MFE_Unplugging_2017_Infographic_fnl