Download  

Share via email
Immagini

Logo Schneider Electric

Schneider Electric™, lo specialista globale nella gestione dell’energia, rinnova dal 20 al 22 maggio prossimi la partecipazione a SPS, presentando nella sua interezza al pubblico italiano la nuova offerta The Next Generation di MachineStruxure – la piattaforma per l’automazione di macchina –  ed altre importanti innovazioni nell’automazione di processo, con l’inverter “Service Oriented” Altivar Process e il primo ePac, Modicon M580 –  e  infine nell’offerta HMI, con nuove soluzioni per la pulsanteria wireless senza batteria della gamma Harmony, ed anche novità nella gamma sensori Osisense e per soluzioni di sicurezza Preventa.

Schneider Electric sarà parte attiva anche nel programma di conferenze e workshop della manifestazione. In particolare

Le Novità nell’ Automazione di Macchina

MachineStruxure è stata investita da una profonda azione di innovazione che, come spiega Antonio Marra, Marketing Manager Machine Solutions dell’azienda” è stata sviluppata appositamente per i costruttori di macchine al fine di garantire la massima intuitività nell’automazione, ridurre tempi e costi di sviluppo e introdurre più rapidamente sul mercato i propri prodotti; con soluzioni già oggi pronte per supportare l’evoluzione delle esigenze dei clienti per molti anni a venire”.

The Next Generation di MachineStruxure include numerosi prodotti che consentono di raggiungere maggiore flessibilità hardware e ampliare le funzionalità standard, così da ottimizzare i costi di automazione di una vastissima gamma di macchine, per ogni settore.

A livello di PLC tre controllori logici rappresentano una novità assoluta: : Modicon M221 è destinato ad applicazioni convenzionali, Modicon M241 per applicazioni con livelli di performance ancora più elevati e Modicon M251 alle architetture modulari e decentralizzate.
Sono controllori compatti che tracciano elevati standard di funzionalità e performance grazie alla semplicità di engineering, all’ergonomia di comunicazione e a una reale scalabilità. Un sistema I/O rapido e modulare, con la possibilità di affiancare moduli di comunicazione e di sicurezza garantisce la massima efficienza con tempi di installazione ridotti al minimo.

Per le estensioni I/O è presentato un nuovo sistema  Modicon TM3  che garantisce l’espansione flessibile e personalizzabile di tutti i controllori. Il bus di espansione 10 volte più veloce delle soluzioni tradizionali consente l’aggiunta di fino a 14 moduli e anche l’integrazione dei moduli di sicurezza.

Nel motion è introdotto il nuovo controllore Modicon LMC078,  utilizzabile in molteplici settori  applicativi quali packaging , material  working o in generale su macchine che richiedono il controllo  di 8 assi sincronizzati in 1ms/16 assi sincronizzati in 2 ms. Abbina le funzioni motion a quelle di un PLC ad elevate prestazioni (2 ns ad istruzione booleana e tempo ciclo minimo di 250 microsecondi), potendo controllare macchine complete  senza bisogno di accessori.
Viene anche aggiungo alla gamma di servoazionamenti Lexium 28:  un prodotto pensato per la flessibilità, con funzioni supplementari e integrate che ne semplificano e ampliano le possibilità di uso.

Il software di sviluppo che accomuna le soluzioni MachineStruxure, SoMachine, è stato a sua volta migliorato nella nuova versione 4.0 con nuove funzionalità, si presenta con un’interfaccia grafica ancora più intuitiva, progettata appositamente per semplificarne l’apprendimento e accelerare la realizzazione dei progetti. Esiste una versione leggera, SoMachine Basic, sviluppata per le applicazioni più semplici come Modicon M221.

Le innovazioni apportate in MachineStruxure interessano ampiamente anche l’offerta PacDrive 3, specifica per il settore packaging, che oggi offre maggiori performance per una scalabilità più ampia,  prodotti nuovi che garantiscono la massima affidabilità a macchine e sistemi, drive con un concept flessibile e modulare, ed una serie di altri vantaggi che riducono ulteriormente i costi e la complessità operativa, consentendo un time to market più efficace: quali, ad esempio, la disponibilità di tool di engineering e progettazione unificati.

Le Novità nell’ Automazione di Processo

Per l’automazione di processo, sarà presentata una novità assoluta: Altivar Process,  una nuova gamma di inverter per applicazioni da 0,75 kW a 1,5MW “sempre connessi”. Prodotti che sono molto più che semplici inverter: in quanto integrano, oltre alle tradizionali funzioni di controllo del motore e dell’applicazione, anche servizi a valore aggiunto rivolti a ottimizzare i processi e il business – ad esempio per la gestione del ciclo di vita degli asset con funzionalità di diagonstica evolute, e per il controllo dei consumi energetici grazie alla possibilità di rilevare e gestire i consumi.  E’ un prodotto “Ethernet e Web Inside” che si integra nei sistemi di automazione offrendo piena visibilità sul processo e rendendo disponibile in modo trasparente i suoi dati in real time”.

All’interno della piattaforma PlantStruxure verrà presentato Modicon M580 l’innovativo ePAC “Ethernet Inside”, il primo sul mercato di questo tipo. Grazie a nuovi backplane con connessione Ethernet diretta e nativa permette l’utilizzo di nuove architetture, in conformità con gli standard ODVA e FDT/DTM; la potenza dei processori dual core di ultima generazione consente prestazioni sincronismo e determinismo al top del mercato, e la massima protezione dei dati è garantita dall’integrazione nativa delle funzioni cybersecurity.

A livello di piattaforme, in SPS vi sarà infine un focus sulle applicazioni nel Food & Beverage con le Soluzioni Software di PlantStruxure con StruxureWare Plant Operation nell’EcoStruxure Control Room, e con PES – la nuova piattaforma per l’automazione di processo DCS di Schneider Electric che unisce alle caratteristiche proprie di questo mondo – integrazione, singolo database, potenti strumenti di diagnostica – anche le caratteristiche più evolute del classico mondo PLC e SCADA, ovvero flessibilità, apertura, facilità di utilizzo.

Altre novità: HMI , Sicurezza e Sensori

Nell’offerta Interfaccia Uomo-Macchina, spazio ad un’innovativa gamma di pannelli operatore Magelis e a nuove soluzioni della gamma Harmony, con l’obiettivo di migliorare, semplificare e rendere più sicuro il comando delle macchine. Ad arricchire l’offerta di pannelli operatore Magelis è la gamma degli HMI GTU, i primi pannelli operatore a combinare funzionalità e caratteristiche uniche sul mercato ad un innovativo design modulare, basato sull’abbinamento di schermi di vari formati a basi con CPU e hardware differenti. Sempre in ambito HMI arrivano nuovi Box PC industriali estremamente copatti e contenuti anche nel prezzo ed un’inedita gamma di Rack PC, espressamente dedicata alle infrastrutture IT, agli SCADA delle Control Room e ai più recenti software di engineering.

Relativamente all’offerta Harmony si segnalano due interessanti novità: una nuova “Mobile Box”, pulsantiera mobile per i pulsanti senza batteria, risultato delle continue ricerche di massima sicurezza ed ergonomia; e un ampliamento della gamma di pulsanti wireless senza batteria Harmony XB5R/XB4R con modelli dedicati alle applicazioni che richiedano il comando mantenuto.

Per l’offerta sicurezza e sensori, a SPS 2014 è presente con uno spazio dedicato presso il pad, 2 stand i 032 la gamma di Telemecanique Sensors, con soluzioni particolarmente innovative.

Tutta l’offerta Preventa per Barriere di Sicurezza tipo 2 SIL 2 e tipo 4 SIL 3, per la protezione antinfortunistica delle dita, delle mani e del corpo è stata rinnovata: con le nuove barriere optoelettroniche XUSL2E/XUSL4E; è presentata anche una nuova offerta di interruttori per arresto di emergenza a cavo dal design particolarmente contatto, Preventa XY2CJ.

Per la sensoristica si potranno scoprire la nuova famiglia di sensori di pressione elettronici Osisense XMLR ed un nuovo display regolazione specifico per i trasmettitori di pressione, Osisense ZMLP.

Vi aspettiamo al Padiglione 2, stand K 034 e al corner Telemecanique Sensors (pad 2, I 032)