Share via email

Logo Schneider Electric

Schneider Electric, lo specialista globale nella gestione dell’energia e dell’automazione, è inserita al quarto posto nella lista Clean 200, di cui fanno parte le 200 più grandi aziende al mondo, classificate in funzione del totale dei loro ricavi legati all’energia pulita.

La lista Clean 200 è stata realizzata per la prima volta nell’agosto 2016 da Corporate Knights, il magazine che promuove un capitalismo pulito, e da As You Sow, una non profit che promuove la responsabilità ambientale e sociale delle imprese attraverso azioni di advocacy verso gli azionisti delle imprese e la creazione di iniziative di collaborazione.

La sua ambizione è attivare un dialogo ampio e dinamico, sul modo in cui tutti gli investitori  possono creare insieme un’economia basata sull’energia pulita, e su come valutare e mettere in luce al meglio le aziende che già si sono instradate in questa direzione.  Per entrare nella lista, le aziende devono avere una capitalizzazione di mercato superiore a un miliardo di dollari (misurata alla fine del secondo trimestre 2016) e  generare più del 10% dei ricavi totali usando fonti di energia pulita.

Stimolare l’innovazione a tutti i livelli per la sostenibilità

La presenza nella classifica riconosce l’impegno di Schneider Electric per offrire soluzioni innovative che cercano di risolvere il paradosso dell’energia: ovvero bilanciare la riduzione dell’impronta al carbonio del Pianeta con il Diritto umano fondamentale di avere a disposizione energia di qualità.

Il Gruppo e i suoi dipendenti lavorano per creare innovazione, a tutti i livelli, attraverso lo sviluppo di soluzioni connesse di gestione dell’energia e tecnologie di automazione che possano cambiare il modo in cui si fa impresa, trasformare le città, arricchire le vite di tutti. Schneider Electric definisce questa visione “Life is On”.

 “Siamo molto orgogliosi di questo nuovo riconoscimento. Per noi l’attenzione all’ambiente va ben oltre i nostri sforzi di ridurre progressivamente il nostro impatto ambientale: è qualcosa che permea tutto quello che siamo e facciamo, dalle nostre  strategie all’impegno in ricerca e sviluppo, fino al tipo di valore che vogliamo offrire ai nostri clienti” ha commentato Emmanuel Lagarrigue, Chief Strategy Officer at Schneider Electric.”Penso che lo slogan che abbiamo scelto per celebrare con i nostri dipendenti l’ultima Giornata Mondiale dell’Ambiente, “ A passion for green growth”  dica tutto”.

Nel novembre 2015, alla vigilia della conferenza COP21, Schneider Electric ha elevato i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile, mirando a fare nei prossimi quindici anni dell’azienda e del suo ecosistema una realtà “carbon neutral” – intervenendo sui prodotti che offre, sulle soluzioni, sulla ricerca e sviluppo, sulla sua operatività.

Tra gli impegni presi:

  • Misurare l’impatto in termini di emission di CO2 del 100% dei progetti realizzati con i clienti di più grandi dimensioni
  • Progettare il 100% delle nuove offerte utilizzando la procedura Schneider Electric ecoDesign Way™ e fare in modo che il 75% del giro d’affari sia generato da offerte che rispettano lo standard di sostenibilità Green Premium™
  • Evitare l’emissione di 120.000 tonellate di CO2 introducendo una gestione della end of life dei prodotti in linea con i principi dell’economia circolare
  • Aiutare nei prossimi 10 anni 50 milioni di persone alla base della piramide economica ad avere servizi di illuminazione e comunicazione, impiegando soluzioni a basse emissioni.

La lista Clean 200 è disponibile al sito:  http://www.clean200.org/