Share via email

Logo Schneider Electric

Schneider Electric, specialista globale nella gestione dell’energia e nell’automazione, ha presentato oggi la soluzione di raffreddamento Ecoflair Indirect Air Economizer, che utilizza una tecnologia proprietaria di Ecoflair dello scambiatore di calore in materiale plastico (polymer heat-exchanger technology) per offrire un approccio al raffreddamento del Data Center altamente efficiente e conveniente.

Ecoflair risponde alla necessità di mantenere temperature operative ottimali nel Data Center mantenendo i consumi energetici al minimo. Il nuovo sistema può ridurre i costi operativi di oltre il 60% rispetto agli approcci di raffreddamento tradizionali. Questo rende disponibile nel Data Center una maggior percentuale di energia che può essere utilizzata per alimentare apparecchiature IT e migliorare l’indice di efficienza dell’utilizzo dell’energia (PUE). Inoltre, consente di rimuovere attrezzature di raffreddamento dal pavimento del Data Center, liberando spazio prezioso.

“La modularità, insieme ad uno scambiatore di calore proprietario in materiale plastico sono la chiave del successo di Ecoflair,” ha spiegato John Nieman, Direttore Product Management, Cooling Solutions di Schneider Electric. “Il design tubolare impedisce la creazione di incrostazioni che comunemente si verificano con scambiatori di calore a piastra. Ciò incide anche nella riduzione delle necessità di manutenzione e migliora le prestazioni durante l’intero ciclo di vita dello scambiatore di calore. Inoltre, il polimero è resistente alla corrosione rispetto ad altri design che utilizzano alluminio rivestito che si corrode se bagnato o una volta esposto agli agenti esterni. Inoltre, si tratta di uno scambiatore di calore modulare che lo rende facilmente sostituibile, qualora si rendesse necessario, minimizzando i tempi di fermo e i disagi”. 

Disponibile in moduli 250kW e 500kW, Ecoflair è progettato per essere flessibile e offrire maggiori possibilità di personalizzazione secondo le esigenze di raffreddamento e le condizioni contingenti, oltre a consentire un montaggio semplificato, e mantenerne bassi i relativi costi, insieme a quelli di manutenzione.

L’approccio scalabile rende Ecoflair particolarmente adatto per strutture di colocation tra 1 e 5 MW (con moduli da 250 kW) e per i grandi hyperscale Data Center o Cloud fino a fino a 40 MW (con moduli da 500 kW). La modularità consente anche al raffreddamento di crescere alla stessa velocità degli aggiornamenti della potenza, al variare delle esigenze del Data Center, seguendo l’andamento di crescita dei carichi IT.

Ecoflair Indirect Air Economizer può essere implementato in qualsiasi condizione ambientale o climatica del sito in cui si trova il Data Center – la tecnologia risulta adatta per almeno l’80% di tutte le sedi a livello globale.

“Tale capacità di adattamento aiuta i proprietari di Data Center a standardizzare l’architettura di raffreddamento dei loro impianti in tutto il mondo, fornendo design replicabili che velocizzano l’implementazione e riducono i costi operativi e di manutenzione,” – ha concluso Massimo Galbiati, Access Floor Sales Director & Data Center Solution Director di Schneider Electric Italia.

Raffreddamento efficiente e costi ridotti

Ecoflair Indirect Air Economizer è in grado di ridurre i costi operativi del 60% rispetto ai sistemi tradizionali basati su tecnologie di raffreddamento ad acqua o a refrigeranti. A un confronto con altri sistemi di pari impostazione, Ecoflair risulta complessivamente più efficiente in termini del 15/20%.

Questa maggiore efficienza offre al cliente ulteriori opzioni di risparmio energetico:

  • Aumentare il carico IT mantenendo invariata l’infrastruttura elettrica. Studi Schneider Electric hanno considerato che tale aumento potrebbe arrivare fino a 30% in più con la stessa infrastruttura elettrica rispetto alle topologie di raffreddamento tipiche, come quelle ad acqua refrigerata o quelle basate su DX.
  • Riduzione del CAPEX complessivo grazie a un’infrastruttura elettrica più piccola e a una distribuzione elettrica più piccola per i minori requisiti di alimentazione di back-up. Schneider Electric indica un risparmio in termini di CAPEX fino al 6% utilizzando Ecoflair.

Per esempio, un Data Center da 1 MW con sede a Londra e dotato di un efficiente sistema di raffreddamento ad acqua refrigerata tradizionale opererebbe con un PUE di 1,14 mentre la stessa struttura dotata di un sistema Ecoflair ridurrebbe il PUE a 1,039. Questo non solo si traduce in un risparmio annuo di € 88.000, ma anche in una maggiore efficienza e ridotte emissioni di carbonio, che sono sempre più importanti in un mondo oggi consapevole e rispettoso dell’ambiente.