Share via email

Logo Schneider Electric

Schneider Electric, la Schneider Electric Foundation[1] e La Varappe Group presentano un modello di housing sociale sostenibile e innovativo, denominato “Emergency housing for all” al Solar Decathlon Europe, in corso a Versailles fino al 14 luglio.

Obiettivo del progetto è dimostrare che oggi è possibile utilizzare unità abitative fotinaconfortevoli, modulari, trasportabili, poco costose ed efficienti dal punto di vista energetico, contribuendo anche allo sviluppo dell’economia circolare. Mettendo a frutto l’esperienza di tutti i partner del progetto, sono state create sei unità abitative (con una o due stanze da letto) a partire da container ad uso marittimo non più utilizzabili, il tutto nel tempo record di tre mesi. Questo è stato possibile grazie al lavoro di 10 persone che partecipano a progetti di inserimento lavorativo. Questi moduli abitativi sono totalmente riciclabili e fatti di materiali di origine biologica; sono in linea con le normative francesi sulle caratteristiche termiche degli edifici emanate nel 2012 e costano il 40% in meno di una casa realizzata in modo tradizionale.

Oggi la povertà di fonti energetiche è un problema importante nelle società mature, che richiede soluzioni rapide, semplici e sostenibili” ha dichiarato Gilles Vermot Desroches, Senior Vice President Sustainable Development di Schneider Electric e Amministratore Delegato della Schneider Electric Foundation. “Con il progetto “Emergency housing for all” stiamo dimostrando che ci sono tecnologie e competenze che consentono di affrontare questo problema, combattendo in parallelo la crisi abitativa”.

“Il progetto unisce integrazione sociale, lotta alla povertà energetica e innovazione tecnologica; e contribuisce nel suo insieme allo sviluppo di un’economia circolare” aggiungeLaurent Laik, Executive Vice-President di La Varappe. “Conferma, inoltre, che le abitazioni possono essere non solo a basso impatto ambientale, ma anche meno costose e quindi accessibili per una più ampia fascia di popolazione”.

Ogni partner ha contribuito con le proprie competenze e tecnologie per assicurare il successo del progetto. Schneider Electric ha offerto Wiser, la sua soluzione di gestione dell’energia per le abitazioni che può essere installata in modo semplice e minimamente invasivo, con costi di installazione limitati, garantendo un risparmio energetico che può arrivare al 30%. Per costruire l’unità abitativa presentata al Solar Decathlon, La Varappe Group, attraverso la sua sussidiaria LVD Energie, ha lavorato per qualificare e specializzare alcuni partecipanti a programmi di inserimento lavorativo. Schneider Electric Foundation, sotto l’egida dalla Fondation de France, ha supportato finanziariamente questo programma abitativo che si rivolge a chi ha più bisogno di una casa.

Dopo il Solar Decathlon Europe 2014, i moduli saranno smantellati e installati nella città di Lione, per ospitare famiglie in difficoltà attualmente affidate all’associazione Habitat et Humanisme.