Share via email

Logo Schneider Electric

Leali Steel, azienda leader nella produzione dell’acciaio con sede a Borgo Valsugana (TN), ha scelto le soluzioni di automazione industriale Schneider Electric per rinnovare il quadro di controllo delle pompe di raffreddamento degli impianti di fusione e colata continua dello stabilimento produttivo di Borgo Valsugana.

La collaborazione tra Leali Steel e Schneider Electric è di lunga data, in particolare per quanto riguarda la fornitura 20150825_103124di componenti, soluzioni e servizi per la distribuzione elettrica, e già in passato erano state rilevate opportunità per ridurre i consumi energetici con la realizzazione di audit dedicati.

Il sistema di raffreddamento del forno e della colata di un’acciaieria è altamente critico ed energivoro, quindi Leali Steel, quando ha deciso di sostituire il quadro di controllo del suo sistema di pompaggio, ha espresso delle necessità molto chiare: ottenere una soluzione completa in grado di garantire efficienza energetica e performance, che potesse essere installata e messa in opera in massimo tre settimane – il tempo di fermo impianto che poteva essere concesso – con l’intervento di un unico fornitore in grado di offrire tutto quanto necessario.

Il cliente ha scelto Schneider Electric perché l’azienda è stata in grado di soddisfare tutte queste richieste attraverso l’azione integrata dei suoi team dedicati all’automazione di processo e all’efficienza energetica, coadiuvati da partner specializzati.

Schneider Electric ha progettato, implementato e messo in servizio per Leali Steel un sistema di alimentazione e controllo pompe realizzando quadri di comando con dodici variatori di velocità Altivar Process, gamma Altivar 600, da 55 a 160 kW.

L’equipaggiamento dei quadri è interamente realizzato con componenti Schneider Electric, a partire dalla carpenteria, per arrivare fino all’interfaccia HMI, realizzata tramite Magelis GTU da 15’’, passando per i Power Meter installati su ogni pompa per controllare l’assorbimento di energia.

I quadri possono essere supervisionati e gestiti da remoto su PC direttamente dalla control room dell’impianto, grazie alle funzionalità offerte dal software dedicato Vijeo Designer Runtime.  Schneider Electric ha, inoltre, coordinato lo sviluppo di soluzioni specifiche richieste dal cliente, come la realizzazione di un sistema di deflusso dell’aria calda personalizzato per i quadri installati.

Il punto di forza della soluzione è certamente rappresentato dagli innovativi inverter adottati: Altivar Process è la famiglia di variatori di velocità di Schneider Electric dedicata alle applicazioni di processo in ambito industriale. La gamma di potenza va da 0,75 kW a 800 kW ed è prevista una estensione di potenza fino a 1,5MW; si tratta di inverter progettati essere installati anche nelle condizioni più severe dal punto di vista di inquinamento ambientale ed elettromagnetico, come può essere un impianto in cui si lavora l’acciaio.

Altivar 600, all’interno della famiglia Altivar Process, è una gamma espressamente dedicata ad applicazioni di trattamento fluidi, con funzionalità dedicate al controllo ottimale delle pompe.

Tutte le soluzioni della linea Altivar Process sono state ideato secondo un nuovo concept, quello di “Service Oriented Drive”, che rende il prodotto molto più che un semplice inverter: infatti, rispondendo alle nuove esigenze del mercato, Altivar Process integra oltre alle tradizionali funzioni di controllo del motore e dell’applicazione, anche servizi a valore aggiunto che sono rivolti all’ottimizzazione dei processi e del business, migliorando la gestione del ciclo di vita degli asset e la gestione dei consumi energetici. Molti di questi servizi sono resi disponibili grazie al protocollo Ethernet integrato in questi variatori, che consente trasparenza e comunicazione immediata con i sistemi di automazione che sono dedicati al controllo dell’intero processo.