Share via email

hashtag

Sette giorni davvero intesi quelli appena trascorsi. Tra politica, musica e gossip i tweeter italiani hanno avuto l’imbarazzo della scelta per i loro cinguettii giornalieri. Notizia della settimana, il raddoppio dei caratteri i tweet che ora sono 280 per quasi tutti gli utenti. 

#DiMaio: con la vittoria in Sicilia, Di Maio sembrava pronto al confronto TV con il leader del PD, Matteo Renzi. Tuttavia, dopo aver accettato le richieste del candidato premier del M5S, l’ex presidente del consiglio si è sentito dire che questo confronto non s’ha da fare. Il motivo? Secondo Di Maio, la sconfitta del PD sembra aver ridimensionato a tal punto il ruolo di Renzi,  da rendere il loro “rendez-vous” assolutamente inutile per il dibattito politico. Come da copione, pioggia di critiche dagli elettori dei due partiti nei confronti del leader della formazione avversaria. Si preannuncia una campagna elettorale lunghissima ed estremamente litigiosa.

#7novembre: nessuna notizia è stata in grado di diventare argomento di tendenza nella giornata di martedì. E allora moltissimi cinguettatori hanno pensato bene di twittare utilizzando il classico hashtag del giorno, che rappresenta il “salvacena” delle giornate senza trending topic.

#280caratteri: finalmente quasi tutti hanno i loro 280 caratteri su Twitter. Dopo alcuni mesi di sperimentazione, Twitter ha “regalato” ai suoi utenti 140 caratteri in più per esprimere al meglio quello che hanno da dire. Tutti felici? Non proprio. Se molti tweeter hanno salutato la notizia come l’arrivo anticipato dei regali di Natale, tanti altri hanno visto in questa scelta un vero e proprio autogol per il social dell’uccellino. Chi avrà ragione? Presto per dirlo, ma di certo per esaurire l’argomento non basteranno 280 caratteri.

#PerfectMusicVideo: Ed Sheeran pubblica il video di Perfect e i suoi fan vanno in delirio. A parte qualche critica per aver copiato gli Wham con un video dal sapore un po’ natalizio, la maggior parte del pubblico è apparso entusiasta. Sarà perché tutti amano Ed o forse perché in questo periodo dell’anno tutti sentono avvicinarsi il Natale a grandi passi, ma sono stati davvero pochi coloro che hanno avuto da ridire sull’ultima fatica del cantante inglese.

#Sciopero: il 10 novembre era stato preannunciato come un venerdì nerissimo per i trasporti a causa dello sciopero nazionale annunciato dalle più importanti sigle sindacali. Alla fine si è trattato di una protesta a macchia di leopardo, con città più fortunate come Milano, dove l’adesione è stata decisamente bassa. Se all’ombra della Madonnina è andata bene, non si può dire lo stesso della capitale, dove la metro è rimasta chiusa e dove si è scatenato il solito panico da sciopero dei mezzi.

#ceciliaeignaziofuori: più chiaro di così si muore. Il pubblico del GF Vip ha espresso in modo netto e deciso il suo pensiero sulla storiella fra Cecilia Rodríguez e Ignazio Moser. Pare che le effusioni viste in questa edizione siano troppe anche per lo scafato pubblico del Grande Fratello che, pur essendo abituato, non avrebbe gradito il comportamento dei due piccioncini. La bagarre impazza e tutti attendono la nuova puntata del programma per scoprire cosa ne sarà di Chechu e Nacho.

#MTVEMA: l’edizione 2017 degli MTV Europe Music Award ha visto il trionfo di Shawn Mendes. Il diciannovenne cantante canadese ha sbaragliato tutta la concorrenza, sia quella dei suoi coetanei sia quella dei colleghi più attempati, aggiudicandosi i premi come miglior artista e miglior canzone. Momenti topici della serata, il premio alla carriera agli U2, che non si sono lasciati scappare l’occasione di criticare la Brexit, e l’esibizione di Eminem e Beyonce. Il rapper bianco ha cantato Walk on Water, il singolo che segna il suo grande ritorno alla musica dopo diversi anni di silenzio.