Share via email

 

hashtag

Una settimana piena di news quella appena terminata su Twitter. Lo sport, la cronaca e la temutissima maturità hanno permesso ai tweeter italiani di spaziare su tante tematiche diverse.

#FinsburyPark: un furgone travolge alcune persone nei pressi di una moschea nella zona di Finsbury Park, un quartiere a nord di Londra. Dieci feriti, una vittima accertata, ma la sua morte potrebbe essere slegata dall’attacco. L’uomo alla guida è stato arrestato. Si è trattato di terrorismo, un terrorismo al contrario rispetto a quello a cui siamo abituati. In realtà si è trattato di terrorismo puro e semplice, un attacco contro persone innocenti, colpevoli solo di essere musulmani e di trovarsi vicino a una moschea. Questo non può che ricordarci che il terrorismo non ha lingua, non ha religione, né tanto meno colore politico. La condanna deve essere sempre unanime, forte ma soprattutto senza distinguo.

#traccie: nuovo esame di stato, nuova gaffe del Ministero dell’Istruzione. Martedì 20 giugno, Twitter è stato letteralmente invaso dalle #traccie lasciate dal MIUR. L’erroraccio di ortografia apparso in bella mostra sul sito del dicastero guidato da Valeria Fedeli ha fatto il giro del web e ha suscitato i commenti ironici di studenti e non. Assolutamente inutili i tentativi del Ministero di ridimensionare l’accaduto parlando di un refuso, di un errore di battitura, di una svista tecnica. Tutto ciò non è bastato a fermare le risate e gli sfottò dei tweeter italiani, che hanno continuato imperterriti a twittare sull’argomento. Come se non bastasse, la figura barbina del MIUR è arrivata proprio alla vigilia dell’inizio degli esami di maturità, per cui potete immaginare il tono con cui i maturandi hanno commentato lo strafalcione ministeriale.

#Maturità2017: dopo una lunga attesa è arrivato finalmente, o purtroppo, il giorno di inizio degli esami di maturità. L’inizio degli esami è quel momento in cui si rivivono i 5 anni passati sui banchi del liceo tra traduzioni, temi ed equazioni, senza dimenticare gli amori, le amicizie e i litigi che hanno segnato le scuole superiori. Poi comincia la prima prova, i prof leggono le tracce o, per dirla come il MIUR, le “traccie” e nella mente degli studenti tutto si fa buio e confuso, nel tentativo di ricordare qualcosa di quell’autore o di ripescare nei cassetti della memoria qualche spunto per il saggio breve. Tuttavia dopo lo smarrimento dei primi minuti, i più si rianno e riescono a portare a casa un tema più che decoroso o magari a scrivere l’articolo della vita, quello che vale da solo tutto l’anno scolastico.

#Seneca e #secondaprova: “noi diventiamo più saggi nelle avversità”. Così scriveva Lucio Anneo Seneca intorno al 65 d. C. nelle Lettere morali a Lucilio. Pensate quanto devono essere diventati saggi i maturandi del liceo classico che si sono ritrovati a tradurre e commentare uno dei passi di questo temutissimo autore latino. Certo Seneca non è esattamente Cicerone né tanto meno Sallustio, ma agli studenti poteva andare molto peggio. Poteva uscire Tacito o magari un autore pseudo-sconosciuto come Livio Andronico. E questo vale per tutti gli altri maturandi che hanno svolto la seconda prova dell’esame di stato. Comunque sia andato il compito, ormai il peggio è passato, visto che siamo già a metà dell’opera. E ora ragazzi keep calm and… pensate alla terza prova!

#wmf17: quinta edizione del web marketing forum, il più importante evento del settore a livello europeo. Anche quest’anno Rimini si è trasformata nell’ombelico del mondo per tutti i professionisti del settore, che da ogni angolo del continente sono arrivati nella città di Paolo e Francesca per scoprire tutte le novità legate al mondo del marketing on line.

#MilanoPride: dopo Roma e Torino, l’onda rainbow è arrivata anche a Milano portando con sé tutto il calore della comunità LGBTI* italiana. Nel giorno in cui tutto il mondo ha celebrato il Christopher Street Day, Milano, ma anche Napoli hanno voluto dimostrare di non essere da meno. E allora largo al colore, all’entusiasmo e all’orgoglio del mondo arcobaleno, un mondo fatto di famiglie e single che vuole far sentire a tutti la propria voce.

#motoriedintorni: una domenica tutta all’insegna della velocità! Finito il campionato di calcio, gli italiani possono ora dedicarsi ai motori, il loro secondo grande amore sportivo. La formula 1 e la moto GP sono le due grandi passioni dei telespettatori italici, che sognano di sfrecciare su uno dei bolidi guidati dai loro beniamini, tanto agognati proprio perché irraggiungibili. La Ferrari e Valentino Rossi, possibilmente in sella a una Ducati, sono un connubio perfetto per un bel weekend di inizio estate, magari spaparanzati in qualche chioschino in riva al mare con tanto di spritz e immancabile maxischermo.