Share via email

Logo Schneider Electric

Schneider Electric, il leader nella trasformazione digitale della gestione dell’energia e dell’automazione, è presente fra le 104 aziende incluse nell’edizione 2018 del  Bloomberg Gender-Equality Index. L’indice è realizzato tramite i dati forniti volontariamente dalle aziende compilando un questionario molto dettagliato, allo scopo di valutare la situazione sul tema della parità di genere a livello globale, in tutti i settori. Essere presenti è per Schneider Electric occasione di rafforzare il proprio forte impegno nel promuovere una cultura diversificata e inclusiva e la parità di genere.

Olivier Blum, Chief Human Resources Officer ed Executive Vice President di Schneider Electric, ha commentato cosìLogo Bloomberg Gender-equality Index la notizia: “La nostra visione sul tema dell’inclusione e della diversità si propone di offrire pari opportunità a tutti, ovunque, e di fare in modo che tutti i nostri dipendenti sentano che il loro valore è riconosciuto e sono liberi di dare il loro contributo, al meglio. Il Bloomberg Gender-Equality Index ci dà l’opportunità di essere messi a confronto con i migliori in questo ambito e ci dà la misura del nostro impegno ad essere un datore di lavoro che promuove la parità di genere. Essere inclusi in questo indice rafforza la nostra determinazione nel creare una cultura inclusiva, che valorizza tutte le forme di diversità”.

Un indice per promuovere la trasparenza del mercato ed accrescere la consapevolezza sulle tematiche di genere

Quando fu lanciato nel 2016 l’indice includeva solo imprese dei servizi finanziari; ora per la prima volta si apre alle aziende di ogni settore, che abbiano una capitalizzazione di mercato pari o superiore a un miliardo di dollari ed almeno un titolo negoziato su una delle borse USA. Obiettivo dell’indice è mettere a disposizione di manager e investitori informazioni comparative sulle performance relative alla parità di genere, incoraggiando allo stesso tempo la diffusione di informazioni da parte delle aziende, per ottenere maggiore trasparenza nel mercato e accrescere la consapevolezza sulle tematiche di genere.

“Schneider Electric, come le altre 103 aziende all’opera nei più vari settori economici, è inclusa nell’indice per il suo impegno nel creare ambienti di lavoro che sostengono la parità di genere” ha dichiarato Peter T. Grauer, Presidente di Bloomberg e Presidente Fondantore di U.S. 30% Club. “Ciò che queste aziende fanno è un esempio importante per aiutare ogni tipo di organizzazione a innovarsi e adeguarsi all’esigenza sempre più pressante di diversità e inclusione nel mondo del lavoro”.

Per costruire l’indice, Bloomberg ha creato un questionario dettagliato che incoraggia le aziende a verificare internamente i propri dati, analizzare i metodi con cui misurano le proprie performance e stabilire obiettivi concreti legati alle pratiche e policy legate al genere. Ci sono 60 domande che comprendono 77 campi dati da compilare, raggruppate in quattro categorie: misurazione, policy, offerta di prodotto e coinvolgimento della comunità in cui l’azienda opera. Le imprese che completano il questionario ottengono un punteggio basato sia sulla trasparenza con cui mettono a disposizione i dati, sia sull’eccellenza dei dati forniti. Per l’indice 2018, i partecipanti hanno fatto riferimento ai dati rilevati nel loro anno fiscale 2016.

Schneider Electric: punteggi al top, basati su risultati concreti

Secondo Olivier Blum, “La parità di genere nel mondo del lavoro è essenziale, non solo perché è la cosa giusta da fare, ma anche perché è uno strumento fondamentale per aiutare le persone a ottenere il loro pieno potenziale, sviluppare le proprie competenze ed essere più produttive. La parità di genere è realtà quando le persone possono avere accesso agli stessi riconoscimenti, sfruttare le stesse risorse, avere le stesse opportunità a prescindere dal genere di appartenenza. Riconoscere le differenze e valorizzarle è parte del DNA “sociale” di Schneider Electric”.