La storia di Sinba: un fallimento trasformato in epic win

È di pochi giorni fa la notizia che la startup piemontese Sinba srl ha chiuso i battenti. L’azienda messa in piedi nel 2013 da Alessandro Bava e Alberto Visconti era diventata famosa grazie alla partecipazione a Shark Tank, format americano ripreso da Italia 1 in cui piccole società innovative si presentano di fronte a una serie di investitori in cerca di finanziamenti. L’idea alla base del business dei due startupper era tanto semplice quanto rivoluzionaria: eliminare le code alle casse degli esercizi commerciali usando lo smartphone, un carrello digitale e la geolocalizzazione.

Durante la trasmissione, la startup dei due giovani talenti era riuscita a ottenere ben 250.000 euro da uno degli investitori che, per supportare il progetto, avrebbe ricevuto il 20% della proprietà. Dopo la partecipazione al programma e forte dell’appoggio di altre importanti realtà nazionali, i due ragazzi hanno continuato a lavorare all’applicazione, puntando a lanciarla nel più breve tempo possibile. E vissero tutti felici e contenti? Non proprio. Questo di solito avviene nelle favole, quelle che ci raccontano quando siamo bambini. Purtroppo però la vita reale è un po’ più complicata, meno lineare, ma soprattutto molto più accidentata.

In realtà gli accordi presi all’interno del talent non si sono mai concretizzati e così, a distanza di due anni, Alberto e Alessandro si sono visti costretti a chiudere baracca senza aver portato a termine la prototipazione della loro app. Un finale alquanto triste, ma che ricalca quello di molte startup di belle speranze, le cui idee non sono riuscite a trasformarsi in realtà. Del resto, le aziende innovative sono per definizione ad alto rischio di investimento e per questo sono supportate da venture capital costituiti con questa finalità.

Fin qui la realtà triste e crudele, che vede un’idea di per sé brillante naufragare nel mare magnum delle vicissitudini. Poi però Alberto, padre di due bambini e con un lavoro da dipendente per non gravare sul bilancio familiare, si è trovato a dover spiegare ai piccoli di casa il perché papà avesse fallito nella sua eroica impresa. E così, da talento della comunicazione qual è, il giovane ha deciso di raccontare ai figli una fiaba, ossia un qualcosa che potessero comprendere dall’alto dei loro rispettivi due e tre anni e mezzo.

Da lì a condividere il racconto sotto forma di video, il passo è stato breve. Nel giro di pochi giorni, la fiaba di Desi e Gioi, due coraggiosi marinai intenzionati a portare uno scrigno dall’altra parte del mondo, ha fatto il giro del web, grazie soprattutto ai social media, che ne hanno amplificato a dismisura la portata. In un’epoca in cui, la gente finisce sulla gogna per aver girato un video per un contest aziendale o per aver inviato un messaggio al numero sbagliato, è bello poter raccontare una piccola storia che profuma di fiaba.

La forza di questa vicenda sta in tre aspetti distinti. Il primo senza dubbio riguarda la scelta comunicativa fatta da Alberto Visconti: una favola tradotta in video, un modo semplice per raccontare qualcosa di estremamente complicato e doloroso, come è appunto un fallimento lavorativo. Il secondo aspetto da evidenziare è il fatto che i due startupper ci abbiano messo la faccia dall’inizio alla fine, anche nel momento in cui hanno dovuto annunciare di non avercela fatta. Da ultimo, è importante sottolineare il bellissimo messaggio che i due giovani lanciano alla fine del video proprio attraverso le parole di uno dei protagonisti: non arrendersi mai! Questa la sintesi, questo il punto da cui ripartire sempre, anche dopo una caduta, una sconfitta o un fallimento.

Saper affrontare di petto le situazioni peggiori, rialzandosi e cominciando a lavorare di nuovo, a partire da oggi, per ottenere risultati migliori domani. È questo il più grande insegnamento che i due “capitani coraggiosi” ci trasmettono. E attenzione non è qualcosa di scontato, soprattutto in un campo come quello dell’innovazione e delle startup, dove successi e disastri si susseguono senza sosta e a velocità incredibile. Chissà, forse in futuro la storia di Sinba potrebbe diventare un esempio per molti, un case study sia in ambito innovation, sia in ambito economico. Nel frattempo, di certo, l’approccio di Alberto e Alessandro nell’affrontare il loro insuccesso, ha tutte le carte in regola per trasformarsi un epic win almeno sul piano della comunicazione.

 

Share via email
#SMMDay17: i social al servizio del marketing

#SMMDay17: i social al servizio del marketing

Dimmi cosa condividi e ti dirò chi sei! O meglio che azienda sei! Già perché ormai le imprese non possono proprio fare a meno dei social media, diventati per loro indispensabili strumenti di comunicazione e marketing. Attraverso i social le aziende lanciano messaggi, pubblicizzano i loro prodotti e trasmettono ai clienti i valori che stanno alla base del loro business.

Leggi tutto »

Share via email
big

Ménage à trois: social media, user e brand

Social, sempre social, fortissimamente social! Questo ciò che emerge da una serie di rapporti pubblicati di recente sull’uso dei social media e dai numeri che riguardano gli strumenti simbolo della comunicazione moderna. I dati sono davvero impressionanti, roba da far impallidire anche il concetto di uomo come animale sociale, che visto con l’occhio del web 2.0 assume una connotazione molto diversa da quella aristotelica, esagerata e talvolta estremizzata. Prendiamo in considerazione solo ai primi tre social media per numero di utenti attivi: Facebook sta per tagliare lo stratosferico traguardo de due miliardi di user, Whatsapp e Messenger ormai hanno superato il miliardo. 

Leggi tutto »

Share via email
La Moda 2.0

La moda 2.0

Sapevate che la prima rivoluzione industriale è scoppiata a causa di un vestito? Cioè non proprio per un vestito, però è storicamente provato che il settore da cui si è originato il passaggio dall’industria vecchia maniera a quella moderna è stato proprio quello tessile manifatturiero. In fondo la moda stessa è innovazione; a Milano si è appena conclusa la fashion week e quello abbiamo visto in passerella nei giorni scorsi, lo ritroveremo nelle boutique e nei negozi fra dodici mesi.  

Leggi tutto »

Share via email
big

Parole O_stili: la ferita di una parola non guarisce

“Non esiste una magia come quella delle parole”. Questo sosteneva lo scrittore Anatole France, uno che di parole se ne intendeva parecchio. Esiste purtroppo un’altra faccia della medaglia, che ci insegna che il passare dalla magia all’incubo è facilissimo. Le parole spesso vengono usate in modo spregiudicato, con l’intento di danneggiare o ferire gli altri. O anche soltanto con l’intento di essere ironici. Una sola parola ha il potere di creare o di distruggere, a seconda del contesto, dell’uso che ne facciamo o della persona a cui è diretta. Scegliere il termine più giusto, quello più adatto non è così scontato, ma è assolutamente imprescindibile in un mondo in cui tutto passa attraverso le parole, che inondano la nostra vita attraverso i social media e il web.

Leggi tutto »

Share via email